pasquino

Pasquino. Damose ‘na svejata

27 Maggio 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Damose ‘na svejata

 

Ciò sempre sti ricordi ne la testa,

De quanno sta città se ribellava

E chiunque a piegalla ce provava

Doveva abbassà subbito la cresta.

 

Cor prepotente adera assai indigesta,

La coda co nessuno dimenava.

Nun era proprio nata p’esse schiava,

Bastava un fischio e c’era la protesta.

 

E mo che semo quasi al lumicino

Dà l’impressione d’esse rassegnata.

Senza capì che si fa l’agnellino

 

Ne sto monno de lupi, è carpestata.

E allora vojjo dillo ar cittadino:

Nun poi dormì, damose ‘na svejata.

 

Pasquino dell’OC


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo