pasquino

Pasquino: “Apò lui”

23 Novembre 2017

Tempo di lettura: < 1 minuti
image_pdfDownload in PDFimage_printStampa

“Apò lui” me pare un’espressione

Che po’ dì tutto e po’ nun ditte gnente,

Te lo possono dì bonariamente,

Oppure pe’ trattatte da cojone.

Mancalicani provi a arzà la testa

Nun c’è nessuno che te dice bravo

Perché l’invidia vo’ vedette schiavo

Nun te consente de mostrà la cresta.

‘N amico mio ha aperto ‘na bottega

Piena de luci, piena de colori,

E tutti a dì che quello adè na sega,

Che starà in società coi marfattori.

Ognuno parla e nessuno lo spiega,

L’importante adè fa’ l’inquisitori.

Insomma so’ dolori

Noi ciavemo l’invidia, onde per cui,

Potemo dittelo sempre: apò lui.

Pasquino dell’OC

 

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa







WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo