parco antonelli

Parco Antonelli, il degrado è di casa

1 Aprile 2016
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa

Sporcizia ovunque. Questo il verde della Giunta a Cinque Stelle?
Comincia il nostro viaggio nei parchi cittadini, avvolti dal degrado più completo e soprattutto nelle ore notturne
terra di nessuno, in mano ai soliti balordi di turno. La prima tappa è il Parco della Resistenza, meglio conosciuto
come parco Antonelli; quello che dovrebbe essere un polmone verde al centro della città è diventato un ricettacolo di immondizia dove il verde è solo un brutto ricordo, alla completa mercè di malintenzionati che hanno distrutto quel poco di giochi per bambini presenti all’interno.

parco antonelli
Ma entrandoci quello che colpisce è il senso di abbandono quando tutta la zona, dalla precedente Giunta era
stata inserita in un progetto di riqualificazione che prevedeva, alla pari di quanto accaduto al parco “Martiri delle Foibe” la gestione in parte dello stesso da parte di un privato. L’attuale amministrazione comunale ha invece
optato, non è dato bene capire per quale motivo, per bloccare quei bandi di fatto lasciando il parco Antonelli
e quello di San Gordiano nel più completo abbandono. Le foto parlano da sole e descrivono lo stato di completo abbandono del parco senza dimenticare l’ex Cozzeria, divenuto luogo di ritrovo di tossicodipendenti a pochi metri da una scuola elementare. Chissà cosa ne pensano l’assessore Manuedda e i suoi fidi collaboratori che dell’ambiente hanno fatto il cavallo di battaglia per arrivare al Pincio: dopo due anni se questa è la rivoluzione ambientalista a Cinque Stelle
c’è da stare davvero preoccupati.

parco antonelliparco antonelliparco antonelli

 

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo