pallavolo

Pallavolo. Margutta, niente scherzi con il Bolsena

8 Aprile 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Serie D femminile. Le civitavecchiesi capoliste chiedono strada alle viterbesi per mantenere il primato.
Un fine settimana denso di impegni per le squadre civitavecchiesi che partecipano ai campionati di serie D maschile e femminile. Iniziamo dalla D maschile, con la Mama Cafè di coach Gabrielli che è attesa alle 18 sul campo dell’Acqua Egeria Civita Castellana. Un match importante per la squadra rossoblu che cerca punti per consolidare la propria posizione di classifica e fare un altro passo in avanti verso la seconda parte della stagione. Passando alla D femminile, scenderanno in campo tutte domenica le due compagini femminili. La prima a farlo sarà il Cv Volley che alle 18 renderà visita allo Scarabeo Civitacastellana. Gara importante per la squadra allenata da Alessio Pignatelli che cerca il riscatto dopo il ko patito nel derby di domenica scorsa; serve una vittoria per riprendere il cammino verso la zona nobile della classifica e soprattutto i playoff che sarebbero un bel traguardo per la compagine rossonera. Da qui alla fine
insomma saranno tutte inali. Impegno casalingo, invece per la capolista Margutta Asp che alle 19 riceve la visita del Bolsena. Rossoblu a mille cercano altre conferme per proseguire il momento magico e soprattutto blindare il primato. Avversario che appare ampiamente alla portata ma in casa Asp si invita tutti alla calma, per non snobbare l’avversario.
“Da qui alla ine saranno tutte finali – ammette coach Taranta – e con questo spirito dovremmo affrontarle per mantenere ben saldo il primato. Le gare sono facili se si affrontano con la giusta determinazione. C’è voglia di arrivare in fondo ad un traguardo per cui stiamo lavorando da mesi”.

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •