Ivan Zanetic

Pallanuoto. Snc: un punto che vale oro

19 Aprile 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si resta al 2° posto A2/M.

I civitavecchiesi pareggiano (9-9) in extremis. Alla fine la Snc aveva anche la palla in mano del sorpasso, ma va bene anche cosi: al PalaGalli è inita 9-9, con il Salerno che a 100 secondi dal termine era avanti di due reti, ma gli acuti di Zanetic e Checchini hanno regalato un punto ai rosso celesti. Un punto d’oro : un pareggio che arriva nonostante una prestazione negativa, che meritava la sconfitta. Si parte con una rete del barese De Bellis, con il sorpasso rosso celeste con una bordata di Zanetic e un tap in di Romiti. Gli ospiti ripagano i padroni di casa con la stessa moneta, ribaltando la situazione con Priori e Pica. Il Civitavecchia fa davvero fatica ad infastidire gli avversari in attacco. Nonostante il doppio acuto firmato Checchini-Castello, il vantaggio a metà gara ce l’ha il Salerno grazie a Gallozzi. Per tutto il terzo tempo il Salerno guida la gara, mentre il sette di Pagliarini sembra molle: Pica e De Bellis approfittano di chiare disattenzioni difensive dei rosso celesti, consentendo al Salerno di arrivare al +2 all’ultima pausa. L’inerzia del match non cambia nemmeno nei primi minuti del quarto finale. Un tiro dall’esterno di Castello ed un tap in di Quaglio non bastano, i campani gestiscono la gara grazie all’acuto di Pasca per il 6-8. D’Angelo con un bel sinistro realizza il 7-9. Sugli spalti del PalaGalli nessuno crede alla rimonta. Poi la voglia di non mollare e la determinazione la fanno da padrone. Prima ci pensa Zanetic con una rasoiata a fil di palo, poi lo stesso croato va in controfuga, si presenta davanti a Noviello e coraggiosamente appoggia per Checchini, che realizza il gol del pari. Finisce 9 pari con un grande sospiro di sollievo per la SNC che resta al 2° posto in solitudine, anche se l’Arechi Salerno deve recuperare una gara.

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •