Mano pesante del giudice sportivo sulla Snc Enel dopo la gara 1 di finale con la Canottieri Napoli. Il giudice unico, avv. Andrea Pascerini, ha sanzionato con una ammonizione i dirigenti della Canottieri Napoli Morelli e Massa per comportamento poco riguardoso. Ammenda di 1.500 euro, con diffida, per la Snc Civitavecchia per comportamento aggressivo di un proprio tifoso nei confronti del delegato e relativa sospensione della partita per cinque minuti. Ammenda di 150 euro invece alla Canottieri Napoli per carenze organizzative relative alle norme di sicurezza. “Non pago”. Questa la prima reazione a caldo del presidente Roberto D’Ottavio alla comunicazione della federazione in merito alle decisioni del giudice sportivo dopo gara 1 a Napoli con la Canottieri che poi aggiunge: ”E’ una vergogna. Dopo essere stati derubati dal tavolo della giuria, il signor delegato FIN Rotunno non ha trovato di meglio che scrivere questo personalissimo verbale al giudice: ma quale tifoso, io e soltanto io ero a bordo vasca e sono rimasto al tavolo della giuria per difendere gli interessi e diritti del Civitavecchia, visto che chi era preposto a difendere i diritti delle squadre (Rotunno, ndr) faceva finta di niente. Una giuria che si “scorda” di bloccare il cronometro, un delegato che non sa leggere un verbale a da questo ricostruire il momento esatto in cui è stato assegnato il rigore, tutto questo in un clima infuocato con i tifosi partenopei che minacciavano con le cinte dei pantaloni in mano, una cosa disgustosa, generata dalla assoluta incapacità o furbizia della giuria tutta napoletana e dal delegato napoletano. Non ho nessuna intenzione di pagare questa multa, è uno scandalo. Farò preparare il ricorso e stiamo già preparando il filmato televisivo da inviare in Federazione: questa multa è un insulto all’intelligenza, visto che tutto è stato generato da un operato quanto meno superficiale della giuria e del delegato stesso. Era dai tempi di Cosenza, finale promozione del 2004 – conclude D’Ottavio – che non vedevo ruotare minacciose le “cinte” dei pantaloni, per poi subire anche la beffa della multa:una vergogna”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com