Pantanelli Cozzolino

Pagamenti bancomat ai parcometri, a Civitavecchia il servizio è già attivo da un anno e mezzo

15 Luglio 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Giusto obbligare i gestori di parcheggi a pagamento ad accettare l’utilizzo di carte di credito e bancomat. A Civitavecchia questo servizio è già attivo da un anno e mezzo”.
L’Assessore con delega ai Trasporti Massimo Pantanelli commenta una notizia che ha avuto recentemente ampio risalto sulla stampa nazionale ed è stata anche ripresa da alcuni notiziari locali.
“Fin da gennaio dello scorso anno – prosegue Pantanelli – tutti i parcometri installati nel territorio comunale di Civitavecchia da HCS, tramite la Sot Argo, sono abilitati a ricevere pagamenti con carte bancomat, Postamat e carte di credito dei circuiti FastPay, Mastercard, Maestro e Visa. In questo senso a Civitavecchia siamo stati dei “precursori” dei tempi, in quanto già 18 mesi fa abbiamo deciso di offrire ai nostri utenti questo servizio, per consentire pagamenti rapidi e veloci, liberando l’utente dal problema di procurarsi necessariamente le monete per pagare la tariffa. Inoltre, sempre nell’ottica offrire dei servizi aggiuntivi, tutti gli utenti possono rivolgersi a tutti i parcometri installati anche per acquistare, in caso di necessità, i biglietti del trasporto pubblico locale, avvalendosi della possibilità di pagarli indistintamente con monete oppure con carte bancarie. Peraltro – conclude l’Assessore – questo tipo di servizio è ampiamente utilizzato dai civitavecchiesi, dimostrando che si è trattata di una scelta più che indovinata.”

 





  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo