wide_Grand_Etrusca_gara5

Mtb Santa Marinella-Cicli Montanini. Balducci e Rinaldi dominano la Granfondo dell’Argentario

30 Marzo 2018
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Granfondo dell’Argentario ha aperto ufficialmente la decima edizione del Circuito Mtb della Maremma Tosco Laziale. Il bellissimo scenario di Porto Santo Stefano, il nuovo percorso disegnato dal comitato organizzatore e lo sfondo incantevole del Mar Tirreno, hanno reso ancora una volta unica la giornata che si è vissuta sul promontorio toscano, con oltre 1000 partecipanti.

“Il nostro obiettivo è quello di migliorare sempre di più – spiega l’organizzatore Domenico Solari – e sono voluto andare personalmente in giro tra i partecipanti ad ascoltare i loro feedback. Non ne ho sentito uno negativo. Sono davvero molto felice che tutto sia andato per il verso giusto, grazie anche a tutti coloro che hanno collaborato per una perfetta riuscita della manifestazione e a tutto il consorzio del Circuito Mtb Maremma Tosco Laziale”.

La vittoria assoluta è andata a Mirco Balducci (Tondi Sport), che ha tagliato il traguardo facendo registrare una media altissima: un’ora e 53 minuti è il tempo che il vincitore ha fatto registrare. Superato di circa due minuti il corridore di casa Federico Rispoli (Gc Argentario), mentre terzo si piazza Cristiano Taliani (Haibike Lawley). Balducci è stato autore di una gara in solitaria, condotta in testa fin dalle prime battute di corsa.

Sul percorso di 44 km, per quanto riguarda la classifica assoluta femminile, il successo è andato a Pamela Rinaldi (Ciclissimo Bike), che ha superato Mariangela Roncacci (Race Mountain Folcarelli) e Francesca Buonfiglio (Bike Garage).

Grazie a queste due vittorie, Balducci e Rinaldi sono i primi due leader del Circuito Mtb della Maremma Tosco Laziale. La prossima tappa del Circuito è per il 15 aprile 2018 con la Granfondo del Lago di Bracciano.



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •