carabinieri

Minaccia connazionale per farla prostituire, arrestata cinese

8 Novembre 2013

Nella serata di ieri i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia, hanno arrestato una cittadina cinese W.X. 53enne e denunciato il suo convivente F. S. 69enne poiché responsabile del reato di induzione alla prostituzione. In particolare i Carabinieri di Campo di Mare, a seguito di alcune segnalazioni relative ad attività di meretricio, dopo una serie di mirati servizi, hanno proceduto ad una perquisizione all’interno di un abitazione dove hanno sorpresi i due unitamente ad un’altra donna cinese 46enne. Dai primi accertamenti esperiti e da informazioni acquisite in loco è emerso che i due, allo scopo di procurarsi ingiusto profitto, dietro minaccia, costringevano la connazionale cinese Y.X.Y a prostituirsi. Nel corso di perquisizione è stata rinvenuta la somma di € 500,00 ed un libretto postale al portatore contenente € 4.000,00, sottoposti a sequestro. W.X. è stata associata presso il carcere di Borgata Aurelia di Civitavecchia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, per rispondere del reato di induzione alla prostituzione.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com