Nel dispositivo messo in atto dalla Guardia Costiera, mediante l’operazione “Mare Sicuro”, vi sono dei forti interessi pubblici che si intende tutelare e lo si fa quotidianamente attraverso l’attività di controllo del litorale. Questi sono: la salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza della navigazione e la tutela dell’ecosistema marino.

A ridosso di Ferragosto, periodo di maggior afflusso in mare e sulle spiagge, i controlli operativi previsti, in mare e a terra, saranno più serrati, allo scopo di prevenire e reprimere comportamenti irresponsabili, soprattutto nella condotta di unità a motore che navigano pericolosamente nella fascia di mare riservata alla balneazione, con la formula “tolleranza zero”.

I pattugliamenti saranno mirati prevalentemente alla verifica della corretta navigazione in prossimità della costa, il regolare uso di moto d’acqua e mezzi similari, la rigorosa osservanza dei limiti di velocità, che ricordiamo essere di 10 nodi nella fascia di mare fino a mille metri dalla costa.

Per le unità che hanno necessità di raggiungere la riva, il categorico utilizzo degli appositi corridoi di lancio e, inoltre, non meno importante, il rispetto della distanza di sicurezza dai segnalamenti indicanti la presenza di subacquei.

Si ricorda, infine, il numero blu 1530 per le emergenze in mare valido su tutto il territorio nazionale 24 ore su 24.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com