unione musicale civitavecchiese

Durante il consiglio comunale di Lunedì 14 Dicembre, si è discusso anche della situazione relativa all’utilizzo della sede si via Bramante da parte della Umc. L’amministrazione, con una delibera di giunta, ha concesso l’utilizzo dell’immobile per altri due anni ma l’associazione dovrà paga 18mila euro di lavori.

L’Unione Musicale Civitavecchiese, però, ritiene inaccettabile la soluzione individuata da Palazzo del Pincio ed è pronta a dare battaglia. Secondo l’associazione i lavori hanno un importo maggiore rispetto ai 18 mila euro stabiliti da Palazzo del Pincio, perché negli ultimi mesi sono aumentati gli interventi da eseguire e, di conseguenza, i costi da sostenere. Inoltre, nel corso degli anni, è stata rinnovata una convenzione che si è poi trasformata in un contratto di comodato d’uso e quindi non è possibile chiedere soldi per l’uso dei locali negli ultimi anni, concessi gratuitamente da Palazzo del Pincio in cambio di una serie di attività da parte della banda musicale, sia nelle cerimonie istituzionali che in appuntamenti culturali, tutt’ora svolte. L’altro problema è la durata della permanenza nei locali di via Bramante. Due anni sono ritenuti pochi e l’associazione sottolinea anche che nella delibera il Comune si riserva la possibilità di richiedere la struttura senza preavviso. Prima delle feste il direttivo dell’associazione si riunirà per decidere in che direzione muoversi, ma intanto è stato già contattato uno studio legale per valutare la possibilità di impugnare la delibera di giunta.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com