centro di aggregazione giovanile patriarca ladispoli

Ladispoli. “Centro di aggregazione, polemiche su fatti regolari e trasparenti ”

2 Gennaio 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Centro Aggregativo di viale Mediterraneo è utilizzabile per eventi da tutte le Associazioni culturali, sportive e umanitarie del territorio.

Le regole per l’utilizzo sono state rese pubbliche con avviso pubblicato il 24 giugno 2016.

Da allora ci sono state iniziative sportive, culturali e anche scolastiche del Circolo dell’Ilaria Alpi.

L’Associazione Eventi Città di Ladispoli, composta dai molti volontari che per tre mesi hanno lavorato per la raccolta di aiuti a favore delle zone terremotate, ha presentato regolare domanda per l’utilizzo del Centro per la nottata del 31 dicembre. Nessuna altra domanda o proposta di iniziativa era stata presentata, nemmeno dal Consiglio Comunale dei Giovani.

L’Associazione Eventi ha pagato con bonifico a favore del Comune, e’ stata regolarmente autorizzata e ha organizzato la festa di Capodanno, invitando anche famiglie disagiate e alcune persone senza fissa dimora.

Senza questa iniziativa il Centro sarebbe rimasto chiuso e inutilizzato.

E’ sorprendente che si riesca a fare polemica anche su fatti regolari e trasparenti. Al posto delle polemiche sarebbe stato opportuno presentare un programma di eventi per il 2017, visto che nel 2016 gli eventi sono stati frutto di iniziative “private”, se private sono le iniziative che fanno le associazioni di Volontari che si impegnano gratuitamente per la collettività.

 

 


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo