Il sindaco di Roma Ignazio Marino ha risposto subito al nostro appello e, entro i primi giorni di agosto verrà convocato un tavolo di confronto per verificare le influenze del Tevere sulle acque marine delle coste centrali del Lazio”. Con queste parole il sindaco di Ladispoli Crescenzo Paliotta ha annunciato che il Comune di Roma ha risposto alla sollecitazione inviata dal comune di Ladispoli in merito alla qualità delle acque di balneazione ed alla problematica che interessa la Capitale e i Comuni che si affacciano sulla costa laziale, sia a nord che a sud della foce del Tevere.

Apprezziamo – ha proseguito Paliotta – la tempestività e la grande attenzione del sindaco di Roma verso la problematica sollevata. Alla riunione, che si terrà presso l’assessorato regionale all’Ambiente, sono stati invitato anche l’Arpa e i comuni costieri interessati, per il versante nord Fiumicino e Cerveteri. Il primo obiettivo è quello di commissionare all’Arpa o a un istituto scientifico pubblico, un primo studio sulle influenze del Tevere sulle acque marine delle coste centrali del Lazio e poi aprire un confronto intercomunale sui dati che emergeranno. Siamo perfettamente consapevoli che il risanamento del Tevere sia un obiettivo che coinvolge competenze sovracomunali e forse anche di più Regioni e potrebbe richiedere un impegno programmatico molto lungo”.

Altre capitali europee – ha concluso Paliotta – sono riuscite in questo intento. Confidiamo sul fatto che il comune di Roma possa essere il capofila di un progetto di risanamento che possa portare effetti benefici sulle acque di balneazione di tutto il centro Lazio”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com