Craxi, Mari, Frascarelli

La notte di Sigonella, grande partecipazione all’incontro con Stefania Craxi

10 Dicembre 2015
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Un incontro molto partecipato che ha fornito diversi spunti e considerazioni più che mai attuali visto il difficile e complesso scenario internazionale. Il ruolo dell’Italia nel Mediterraneo e la figura di Bettino Craxi, sono stati al centro dell’iniziativa organizzata dal Club Forza Silvio “Realtà Nuova Civitavecchia”. Nella sede di via delle Azalee è stato proiettato il film-documentario “La notte di Sigonella”, curato dalla fondazione Craxi. Una ricostruzione storica attraverso immagini e filmati d’epoca, sulla notte del 10 ottobre 1985, e sul ruolo di mediazione svolto dal presidente del consiglio Bettino Craxi. I rapporti con gli Stati Uniti e l’Egitto, e le inevitabili conseguenze nella politica interna: nel documentario sono state infatti evidenziate tutte le sfaccettature e i risvolti di una vicenda che, grazie alla fondamentale “regia” di Craxi, ha riportato e riconosciuto all’Italia il naturale ruolo guida all’interno del Mediterraneo. La presenza in sala di Stefania Craxi ha arricchito il dibattito con aneddoti, curiosità e retroscena su quelle drammatiche ore, ed ha aiutato a capire il clima e le situazioni che hanno portato alla soluzione positiva della crisi, in un contesto internazionale ancora privo di internet e degli strumenti informatici, oggi invece fondamentali e indispensabili nella lotta al terrorismo. Il dibattito, moderato da Alessio Romagnuolo, ha spostato la discussione sullo scenario attuale che non si discosta molto dal 1985, con il terrorismo che incombe ormai sull’Europa. La Vice coordinatrice locale di Forza Italia Emanuela Mari ha infatti sottolineato come a 30 anni di distanza dai fatti di Sigonella l’Italia ha ormai perso quel ruolo di riferimento e di stato guida del Mediterraneo. Frutto di scelte sbagliate e della crisi economica che sta attraversando il paese ma anche dell’assenza di uno vero e proprio statista con il carisma di Craxi. Una situazione, hanno ribadito Emanuela Mari e Giancarlo Frascarelli, che oltre al governo si riscontra anche a livello locale, con una classe politica non all’altezza delle sfide a cui è chiamata l’Italia in questo momento. Ha concluso l’incontro-dibattito, il  saluto di  Gianni Moscherini che, oltre a ricordare quanto sia stata importante per l’Italia l’azione del governo Craxi, ha ribadito il legame di amicizia con la figlia Stefania elogiando l’operazione verità che sta portando vanti da Stefania Craxi contribuendo a portare a conoscenza del Paese e delle nuove generazioni l’orgoglio di essere Italiani.

 


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo