Iniziati i lavori per la realizzazione di una rotatoria e dell’illuminazione pubblica tra via Tirrenia e la strada regionale Castrense

16 Novembre 2015
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A giorni partiranno anche i lavori del nuovo lungomare Harmine

Continua la campagna #cantieriaperti del comune di Montalto di Castro. L’amministrazione ha infatti avviato da alcuni giorni i lavori per la realizzazione di una rotatoria all’incrocio tra via Tirrenia e la strada regionale Castrense, nel quartiere Rompicollo, e l’installazione di un impianto di illuminazione pubblica fino all’incrocio con il ponte della stazione ferroviaria.

L’opera ha un costo complessivo di 200mila euro, di cui 101mila sono a carico del Comune e 99mila sono stati finanziati grazie al contributo che l’amministrazione ha ottenuto dalla Regione Lazio.

montalto lavori_rotatoria_3 (2)

montalto lavori_rotatoria_3 (3)

«Abbiamo ritenuto importante realizzare quest’opera – afferma il sindaco Sergio Caci – al fine di migliorare la viabilità e garantire la sicurezza stradale. Per troppi anni il tratto di strada interessato dall’opera è stato fuori controllo e, purtroppo, anche oggetto di grandi disgrazie. Siamo convinti che si tratti di un intervento prioritario – aggiunge il primo cittadino – in quanto, un tratto importante come quello in questione, che porta alla marina, non può essere così carente, com’è ad oggi, in termini di sicurezza. Sono inoltre lieto – conclude il sindaco – di annunciare che a giorni avranno finalmente inizio i lavori per la realizzazione del primo stralcio del nuovo Lungomare Harmine».





  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo