In nome del popolo inquinato dice no allo skate park

25 Settembre 2019
Condividi
  • 16
    Shares

Apprendiamo dalla stampa locale che, a seguito dell’incontro con una delegazione favorevole alla realizzazione dello skate Park, sembrerebbe che l’Amministrazione Comunale sia propensa a costruire lo stadio seppur in maniera ridotta,

Per quanto ci concerne e preso atto delle urgenze e necessità di interventi da realizzare  per la città e gli impianti sportivi volutamente abbandonati dalla precedente amministrazione, crediamo che questo progetto non debba essere preso neanche in considerazione per i prossini 5 anni ,

Altresì invitiamo l’Amministrazione Comunale a confrontarsi con le Associazioni Sportive e Sociali al fine di poter creare un gruppo di lavoro con cui potranno essere individuate tutte le criticità e le necessità degli impianti esistenti i quali , con disprezzo totale nei precedenti 5 anni sono stati ignorati e ne è prova palese che nel mentre si preoccupavano di intervenire sulle strutture amiche o approvare cattedrali nel deserto come lo skate Park  , ignoravano “  ghignosamente “  le gravissime e preoccupanti urgenze come la struttura crollata , il Fattori ecc ,

Ebbene sig. Sindaco , NOI non siamo d’accordo  e qualora L’Amministrazione Comunale decidesse di dover procedere nella realizzazione del sopra citato stadio, metteremo in attoqualsivoglia iniziativa per impedire che venga realizzato l’ennesimo ed inutile atto di arroganza voluto e approvato arbitrariamente e come di consueto senza confronto alcuno, dalla passata amministrazione.

In Nome del Popolo Inquinato 

Roberto De Vito     

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo






Condividi
  • 16
    Shares

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo