Dal consigliere del (M5S) Emanuele LaRosa riceviamo e pubblichiamo.

“Ho trovato curiosa l’intervista del vicesindaco della Città metropolitana Mauro Alessandri riguardante la tassa di sbarco. Dal video si capisce che i soldi che la Città Metropolitana incasserà da questa nuova tassa arriveranno indirettamente anche alla città di Civitavecchia (non al Comune sia chiaro) perché appartenente alla Città Metropolitana. Per un mero fatto di numeri si capisce che queste affermazioni sono l’ennesima presa in giro. Civitavecchia, che ospita il porto principale del Lazio, ha 53000 abitanti, la Città metropolitana ne ha più di 4 milioni. Questo significa che se la ricaduta economica della tassa di sbarco fosse proporzionale al numero di abitanti di ogni comune appartenente alla Città Metropolitana, e non distribuita in maniera da confluire direttamente nelle casse comunali della città che ospita il porto, per ogni milione di euro proveniente dalla tassa di sbarco, a Civitavecchia arriverebbero poco più di 12mila euro, pari a circa l’1% del totale. Considerato, però, che il sindaco della Città Metropolitana è anche il Sindaco di Roma è facile immaginare che i cittadini di Civitavecchia non vedranno alcun beneficio. Mi chiedo con quale coraggio in quest’ultimo anno il PD cittadino abbia spacciato la Città metropolitana come un’opportunità di sviluppo per Civitavecchia; questa tassa è l’esempio evidente che la Città Metropolitana è soltanto l’ennesima fregatura per Civitavecchia la quale, da alcuni mesi, è parte dell’estrema periferia di Roma.”

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

This will close in 16 seconds

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
0