Il Sindaco Tedesco: “Se la Città Metropolitana si ricorda di Civitavecchia solo per i rom, tanto vale lasciarla”

9 Gennaio 2021
Condividi
  • 4
    Shares

Prende posizione il Sindaco di Civitavecchia, Ernesto Tedesco, sull’ipotesi di trasferimento sul territorio di decine di ospiti dei campi rom di Roma. La decisione è contenuta nel bando pubblicato lo scorso 23 dicembre, e in scadenza il 15 gennaio, che si rivolge a privati per un totale di un milione e 785mila euro da distribuire a privati che vorranno ospitare in “condomini sociali” le persone attualmente distribuite tra le baraccopoli romane. Tra le destinazioni scelte, anche l’area regionale di Civitavecchia-Viterbo.

Di qui le comunicazioni del Sindaco Tedesco: “La decisione di Virginia Raggi di dirottare decine di ospiti dei campi rom sul “territorio di Civitavecchia-Viterbo”, come si legge nel bando, ci dà una conferma e un suggerimento. La conferma è che Città Metropolitana si ricorda di noi (per la verità in compagnia della Regione di Zingaretti) solo quando si tratta di “delocalizzare” discariche, impianti per rifiuti, attività inquinanti varie oppure hub per immigrati ed altre potenziali bombe sociali. Il suggerimento è invece quello di sottrarre una volta per tutte la nostra città dalla morsa soffocante di Città Metropolitana e fondere il nostro territorio con la provincia di Viterbo. Se chi governa Roma sfrutta questo territorio senza dare nulla in cambio e peraltro senza coinvolgerlo quando si pensa a progetti controversi, allora tanto vale avviare finalmente un dibattito in tal senso”, conclude il primo cittadino.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo






Condividi
  • 4
    Shares

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo