scuolabus

Il mistero della bimba di tre anni dimenticata sullo scuolabus

21 Ottobre 2015
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tempo di lettura: 2 minuti
image_pdfDownload in PDFimage_printStampa

Sono tanti i dubbi che ruotano in intorno alla vicenda di una bambina di tre anni dimenticata all’interno dello scuolabus che doveva portarla al nido. Una storia che risale a qualche giorno fa ma che è stata finora avvolta nel massimo riserbo, venendo a galla solo ora. Stando alle prime ricostruzioni, alcune mattine fa alle otto in punto, i genitori della piccola civitavecchiese, come ogni giorno, hanno messo sullo scuolabus la loro figlioletta di tre anni. Da quel momento in poi, si è aperto un vuoto di tre ore sul quale ora gli inquirenti stanno cercando di fare chiarezza. Infatti, tutti i piccoli a bordo del mezzo sono scesi davanti alla scuola e sono regolarmente entrati in classe, ma la bimba, non si è ancora capito perché, è stata dimenticata sullo scuolabus. Intorno alle 11, quindi circa tre ore dopo, qualcuno si è accorto che la bambina era ancora sull’autobus e l’ha accompagnata in classe. Le sue maestre, però, vedendo la bambina a quell’ora e non avendo ricevuto alcun avviso di ritardo da parte dei genitori, hanno deciso di avvisarli subito. La mamma della piccola, saputo l’accaduto, ha immediatamente allertato sia i Carabinieri della caserma di via Antonio da Sangallo che la Procura della Repubblica di Civitavecchia. La signora, comprensibilmente preoccupata, avrebbe sporto denuncia in quella stessa mattinata, chiedendo agli inquirenti di fare chiarezza sull’accaduto e stabilire dove sia stata sua figlia e cosa abbia fatto in quelle tre ore.
I militari, secondo indiscrezioni, avrebbero già raccolto una folta documentazione dalla sede di Argo, e il loro scopo è chiarire questi dubbi: chi era il conducente dello scuolabus di quel giorno? Che cosa è accaduto alla piccola in quelle tre ore? E’ stata sempre a bordo del mezzo o è stata portata da qualche parte? Chi l’ha accompagnata in classe? Domande per le quali gli inquirenti stanno lavorando senza sosta per trovare le risposte che i genitori della piccola attendono con ansia.
Intanto la società Argo, che gestisce il servizio degli scuolabus, ha avviato un’inchesta interna. “Stiamo facendo chiarezza sull’accaduto, attendiamo nei prossimi giorni le relazioni di servizio e accerteremo eventuali negligenze che sanzioneremo a livello disciplinare” – dichiarano le fonti vicine alla società.

image_pdfDownload in PDFimage_printStampa






Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo