Il Ministero dell’Ambiente autorizza lo scarico di liquami dalle navi da crociera nel porto di Civitavecchia, PD: “Se fosse vero il Ministro ha concesso licenza di inquinare”

11 Maggio 2020
Condividi
  • 3
    Shares

La denuncia dell’associazione nazionale servizi ecologici portuali (ANSEP) dell’esistenza di una circolare (udite bene) del Ministero dell’ Ambiente che autorizza lo scarico di liquami prodotti dalle navi passeggeri (per ora MSC crociere e Costa) all’interno del nostro porto ha dell’incredibile. Se così fosse il ministero dell’Ambiente avrebbe concesso una vera e propria licenza di inquinare a chi già avvelena la nostra aria, basta vedere il fumo emesso da quelle navi il mattino e la sera, togliendo lavoro a chi svolge il servizio di raccolta e smaltimento delle acque nere delle navi nel porto. Pensavamo che il ministro Costa dovesse proteggere la nostra salute ed il nostro ambiente e non piegarsi a logiche di profitto che nessuna crisi economica può giustificare soprattutto se si tratta di armatori a cui certo non mancano risorse economiche.
Così non sembra essere ma poiché riteniamo che una semplice circolare non possa cancellare quello che può configurarsi come un reato ambientale , riteniamo che Sindaco,Autorità portuale, Asl ed ogni altra istituzione interessata debbano intervenire per impedire questo scempio dell’ habitat marino. Per quanto ci riguarda presenteremo una interrogazione urgente al Sindaco per porre all’attenzione del Consiglio Comunale tale eventuale nefasta evenienza.
Il gruppo PD in Consiglio Comunale
Marco Di Gennaro, Marina De Angelis, Marco Piendibene
image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo






Condividi
  • 3
    Shares

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo