Il Comitato: “cosa si nasconde dietro il Pz4?”

26 Ottobre 2013

“Il comitato “Fermiamo lo Scempio” di cui sono portavoce, fa presente che mentre il Sindaco prometteva ai partecipanti dell’assemblea del 2 ottobre un nuovo incontro per dare le giuste spiegazioni, supportato da tecnici (parole sue pronunciate in assemblea), del piano di densificazione del P Z 4, ha accelerato la pubblicazione degli atti. Quindi dobbiamo desumere che il primo cittadino non aveva interesse a dare ulteriori spiegazioni agli abitanti del P  4, come se non esistessimo, oppure c’e’ qualcosal’altro sotto che nessuno deve portare alla luce?”. “Allora vogliamo ricordare al nostro primo cittadino di andarsi a leggere il volumetto del geografo David Harvey dal titolo : Il capitalismo contro il diritto alla città. Caro egregio Sindaco , il diritto alla città e’ molto piu’ che un dirittto di accesso, individuale o di gruppo, alle risorse che la città incarna. E’ il diritto di cambiare e reinventare la città in modo piu’ conforme ai nostri intimi desideri. E’ un diritto collettivo piu’ che individuale, perche’ reinventare la città dipende inevitabilmente dall’esercizio di un potere collettivo sui processi di URBANIZZAZIONE. Purtroppo questo potere collettivo si e’ fortemente indebolito al punto che i consigli comunali si limitano ad assecondare le scelte prone al mercato dei Sindaci. Occorre costruire un nuovo modello di Pubblico soprattutto quando si parla di beni di interesse collettivo, di beni comuni, rompendo con la logica del mercato , dobbiamo pretendere che i temi dell’acqua, dell’energia, dei rifiuti, della mobilità, della salute, dell’istruzione , del territorio, dell’edilizia popolare vengano messi fuori commercio perche’ appartengono a tutti e non possono in nesun caso essere privatizzati. Non si possono piu’ accettare lo spreco di risorse, la perdita di ogni finalità di interesse collettivo, la progressiva sottomissione di ogni attività di pubblico interesse alle imprese private ed alla rendita finanziaria , non si puo’ piu’ proporre il modello devastato dai partiti crocevia di affari poco chiari tra pezzi deviati della pubblica amministrazione, della poltica, della finanza, dei sindacati concertativi e della borghesia delle professioni.Occorre difendere la salute di posti di lavoro senza danneggiare la salute dei cittadini ( AIA TVN )difendere la scuola pubblica, ampliare il trasporto collettivo ed il miglioramento della mobilita’ urbana, tutte queste cose caro Sindaco richiamano in causa l’idea della città, la possibilità per gli abitanti di rideterminare le funzioni, gli spazi, le risorse della città in relazione all’interesse collettivo, Il DIRITTO ALLA CITTA’ appunto.  A nome del comitato ” Fermiamo lo Scempio ” vogliamo informarla che siamo sempre disponibili ad un incontro/ confronto ma che comunque daremo battaglia fino alla fine contro questo scellerato piano di densificazione e la ferma convinzione di abitanti in aggiunta ai professinisti che ci accompagnano in questa battaglia ci da’ grande fiducia perche’ sono troppe le irregolarita’ riscontrate sino ad ora”.

Il Comitato ” Fermiamo lo Scempio “

Il Portavoce Ciocci Sandro

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com