Il Castello di Santa Severa adottato dalle scuole del territorio

28 Gennaio 2013

Il territorio non abbassa la guardia. Anzi, a difesa del Castyello mette l’esercito degli studenti delle scuole dell’obbligo, più che mai compatto. Tutte le scuole pubbliche di Santa Marinella (elementari, medie e liceo) e altre scuole del comprensorio hanno infatti approvato, quest’anno, un progetto che ha preso il via proprio in questi giorni. L’obiettivo è sviluppare nei ragazzi l’interesse e l’amore per il patrimonio monumentale e la memoria storica del nostro territorio e formare la coscienza civile ed il senso di appartenenza alla comunità cittadina. Il progetto si inserisce nella mobilitazione della cittadinanza a difesa del Castello di Santa Severa contro il suo inserimento nell’elenco dei “beni immediatamente alienabili” da parte della Regione Lazio.  Sono coinvolte nel progetto 8 classi elementari, 17 della scuola media e 3 del liceo scientifico per un totale di circa 600 alunni. Proprio in questi giorni, grazie alla collaborazione di numerose associazioni culturali che operano sul territorio, i ragazzi stanno conoscendo le abitudini a la quotidianità dei popoli che anticamente abitavano: la vita nelle  ville romane di Pyrgi o nel castello di Santa Severa, la moda, la musica, le danze, l’arte, la ceramica, l’affresco, il mosaico, ecc. Molti dei ragazzi non hanno mai visto il Castello aperto o non hanno memoria, ma si stanno appassionando alla sua storia ed a quella che le scoperte archeologiche raccontano. Li ritroveremo tutti al Castello a maggio, in una grande manifestazione conclusiva in cui sapranno con l’allegria e la fantasia di sempre, mostrarci quello che hanno imparato, e chissà che non si possa festeggiare, in quella occasione, anche l’apertura del Castello e la sua consegna alla cittadinanza.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com