I Veterani dello Sport di Civitavecchia tornano ad attaccare il delegato allo sport Ivano Iacomelli. Ecco il comunicato: “L’U.N.V.S. è un Ente di promozione sportiva benemerita del CONI, come tale deve comportarsi. Pertanto, in base a progetti e programmi deve assecondare, agevolare, plaudire ma anche valutarne e discuterne l’efficacia, allo scopo di evitare danni al sistema sportivo. Basandoci sulle ultime notizie di sport, ad esclusione di quello praticato che, come al solito, valuteremo a fine anno, ci sembra giusto apprezzare l’emanazione dei bandi per le assegnazioni delle strutture sportive e la dimostrazione di attenzione da parte dell’Amministrazione Comunale nei confronti di Società ed eventi, riservandoci successivamente di entrare nel merito. Siamo dispiaciuti delle querelle createsi con il Delegato allo Sport Sig. Ivano Iacomelli ma anche convinti che nell’interesse sportivo dobbiamo fare considerazioni e riflessioni poiché trattasi di un operatore sportivo ma anche di un rappresentante delle istituzioni: a) operare e decidere tramite “sostituto” è una prerogativa che a nostro parere non rende funzionali le Società; b) il voler motivare l’interesse al salvataggio del Civitavecchia Calcio come una emergenza istituzionale non corrisponde a verità, poiché il Delegato Iacomelli ha cominciato volontariamente la scalata alla Società, molto prima che venisse nominato Delegato allo Sport ed in questo ruolo la sta concretizzando; c) i vantaggi provenienti dalla sua disponibilità vengono azzerati dalla presunzione di poter ricoprire cariche sia nelle Società sportive che nelle istituzioni. Il cercare oggi di sanare vertenze economiche, che se sistemate precedentemente forse ci vedrebbero ancora militare in serie D, ci sembra una chiara dimostrazione di totale assenza di un qualificante progetto sportivo che non vorremmo sussista ancora”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com