Hockey in line, Snipers “Pizza a Volontà” under 14 ai quarti di finale

22 Settembre 2020
Condividi
  • 23
    Shares

Un sabato da leoni per gli Snipers “Pizza a Volontà” under 14 che sul campo neutro di Empoli sconfiggono in 3 gare (serie 2-1) i pari età dei Diavoli Vicenza al termine di sfide al cardiopalma ed estremamente combattute.
Nella prima gara i civitavecchiesi partono meglio, sono per larga parte della gara in vantaggio ed arrivano a condurre a pochi minuti dalla fine per 6-4. Tre minuti di pura amnesia nel finale regalano però il 7-6 ai Diavoli Vicenza che si aggiudicano gara 1.
In gara 2, giocata dopo l’ora e mezza di pausa imposta dalla Federazione, il copione si inverte: Diavoli per larga parte della gara in vantaggio ma Civitavecchia abile a non mollare mai e a piazzare la zampata vincente nel finale con Padovan: è 4-3 per Civitavecchia.
Nella decisiva gara 3 invece non c’è storia: grazie anche ad una migliore condizione atletica il Civitavecchia conduce dall’inizio alla fine e si aggiudica l’incontro per 4-0.

“Partite così equilibrate e con avversari di livello non fanno che bene ai nostri giovani – spiega il presidente Riccardo Valentini – da queste gare si impara moltissimo ed il lieto fine con la vittoria ci fa solo che piacere. I ragazzi sono stati bravi a non mollare mai e crederci fino in fondo, nonostante la sfida si fosse messa molto in salita”.

Il tabellino: Giulia Mollica, Francesca Borgi, Bernardo e Ruggero Meconi, Erika e Aurora De Fazi, Gloria Padovan, Emanuele Scotti, Nicolas Cassese, Daniele Ceccotti, Valerio Ercolani. Allenatrice: Martina Gavazzi.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo





Condividi
  • 23
    Shares

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo