Guardia Costiera. Al via il corso per la formazione alla lotta all’inquinamento marino

10 Aprile 2013

E’ stato ufficialmente aperto il corso per la formazione alla lotta all’inquinamento marino ai Capi Sezione Operativa delle Capitanerie di Porto, dislocate sul territorio nazionale, presso la sede della Castalia Ecolmare di Civitavecchia. La specifica competenza della Guardia Costiera nella salvaguardia e tutela ambientale delineata dai vertici apicali del Corpo, ha conseguito diversi ed importanti risultati in termini di controllo, prevenzione e sanzione di varie irregolarità. Una visione centrica dell’ambiente, ma anche globale ed interrelata ai suoi molteplici aspetti quali le emissioni in atmosfera, gli scarichi in mare, la gestione e lo smaltimento dei rifiuti, ed ultimo, ma non meno importante, l’abusivismo demaniale e la tutela del paesaggio costiero. A tal riguardo, per sostenere un’azione efficace ed efficiente, risulta particolarmente importante formare e aggiornare il proprio personale e gli operatori delle altre amministrazioni che concorrono alla salvaguardia dell’ambiente marino. Per il conseguimento del predetto obiettivo, il Ministero dell’Ambiente – Reparto Ambientale Marino della Guardia Costiera, al comando del Capitano di Vascello Aurelio Caligiore, in sinergica cooperazione con la Società Castalia Ecolmare, ha organizzato uno specifico corso di formazione presso la sede Castalia del Porto di Civitavecchia, e che si protrarrà sino al 12 aprile. Il corso è somministrato a favore dei responsabili delle Sezioni Operative delle Capitanerie di Porto ubicate nel territorio nazionale. Gli interventi e le lezioni in programma saranno tenute da esperti e professionisti del settore selezionati tra il Ministero dell’ambiente, il Reparto ambientale marino della Guardia Costiera, l’Agenzia spaziale Italiana, l’Istituto Superiore per la Ricerca e la protezione ambientale (ISPRA) e l’Autorità Portuale. Ai frequentatori saranno peculiarmente illustrate le seguenti tematiche: il quadro normativo per la protezione ambientale incluse le sue precipue novità, i problemi degli ecosistemi marini derivanti dall’impatto di agenti inquinanti e sostanze pericolose, i sistemi tecnologici di rilevazione degli inquinamenti e le relative strategie di contenimento e bonifica, ed infine gli interventi da effettuare in caso di spiaggiamento di prodotti e materiali inquinanti. Il Direttore Marittimo del Lazio e Comandante della Capitaneria di Porto di Civitavecchia – Capitano di Vascello – Pietro Vella ha quindi salutato ed aperto i lavori accogliendo i partecipanti del corso che a vario titolo interverranno, ricordando l’importanza che riveste la formazione e l’aggiornamento costante del personale deputato alla vigilanza, alla salvaguardia ed alla protezione ambientale.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com