Riceviamo e pubblichiamo dal movimento civico Governo Civico per Cerveteri.

“È pur vero che ne abbiamo viste di tutti i colori nel corso della nostra attività sul territorio. Ma che si venisse a creare un asse PD-PDL con la benedizione, anzi con il malizioso zampino, dei neo-fascisti di Forza Nuova, è qualcosa che davvero supera la più fervida immaginazione e i più nefasti presagi del più pessimista dei cerveterani.

Avrà avuto ragione Beppe Grillo (per lo meno nel caso ceretano) nella sua ormai celeberrima equazione PDpiùElle = PDmenoElle, nel manifestare la scomparsa delle differenze e nell’omologazione dei valori di questi due partiti che, lo ricordiamo, sono gli stessi che insieme hanno sostenuto l’istituzione delle imposte IMU e TARES durante il Governo Monti.

Oggi scopriamo l’avvento di un nuovo “compromesso storico”, una “triplice alleanza” che fa da un lato sorridere, ma dall’altro rabbrividire, se consideriamo la totale mancanza di senso e contenuto di questo nuovo gemellaggio politico (portato avanti, leggiamo, non dalle Segreterie di Partito, ma da alcune Correnti o da singoli Consiglieri comunali). Quindi un’alleanza improbabile ma anche incompiuta. Il caos più totale, insomma.

Nel frattempo, sui social network impazza il tentativo di raggranellare consensi per una sempre più ideologica e sempre meno concreta opposizione-anti-Pascucci. Tentativo quotidianamente affondato dalla stessa inconsistenza delle critiche, sempre puntualmente smentite per le vie ufficiali dalle forze di Maggioranza e dall’Amministrazione comunale.

È pur vero che governare una città è compito assai più gravoso che starsene comodamente a casa a criticare e a scrivere comunicati stampa. E d’altro canto abbiamo già vissuto sulla nostra pelle i danni fatti da alcuni di questi rappresentanti quando hanno avuto l’occasione di sedere tra i banchi della Maggioranza, della Giunta comunale, o quando hanno ricevuto incarichi e deleghe di ogni sorta. Ci domandiamo quali siano i risultati del loro lavoro. Quali i miglioramenti portati alla nostra Città. Quali i progetti messi in campo in tutti quei settori che oggi, sempre seduti comodamente da casa, questi signori fanno finta di conoscere a menadito.

Governo Civico per Cerveteri è attivo in questo territorio da circa 10 anni, da quando è nato come un movimento di cittadini stanchi della cattiva politica e della cattiva amministrazione. Oggi questo movimento esprime un Sindaco, un Assessore, cinque Consiglieri comunali e alcuni Delegati (questi ultimi, lo ricordiamo, sono tutti cittadini volontari che si impegnano senza percepire alcun tipo di remunerazione). Significa che in questi anni di duro lavoro abbiamo raccolto la fiducia e il sostegno dei nostri concittadini.

Che dire invece di queste ‘opposizioni’ che si sono viepiù disgregate, rappezzate, collassate e poi infine quasi scomparse? Che oggi cerchino in una facile e altisonante visibilità il colpo di reni in grado di farli tornare in auge è più che comprensibile: si sa che nel momento della disperazione si è disposti quasi a tutto.

Ma vorremo chiudere con una domanda che rivolgiamo ai cittadini stessi, che certamente ben ricordano le dichiarazioni pubbliche fatte in Consiglio comunale e sulla Stampa. Ma non doveva essere un’opposizione costruttiva, mai disfattista, e tesa esclusivamente a proporre progetti per lo sviluppo e la qualità della vita a Cerveteri?

Se davvero tali fossero si dimostrassero essere le intenzioni di queste opposizioni, saremmo ben lieti di continuare ad essere disponibili a collaborare come sempre abbiamo detto e ribadito. Ma se così non fosse, pazienza, ai posteri l’ardua sentenza”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com