Riceviamo e pubblichiamo una lettera giunta in redazione dal signor Gennaro Goglia. “da quel che si va leggendo sui media locali parrebbe che un nutrito movimento essenzialmente  di autoreferenziali “ambientalisti” e/o di altrettanti  zeloti  “ecologisti” per  fideismo ideologico, insistano a puntare un cannocchiale fisso solo verso i camini di Tor Valdaliga Nord….con  passaggio  per il Porto. Detto subito che non si può non concordare  che da quelle bocche non escono certo effluvi floreali,  da qui, tuttavia, a bollarle come principali fonti malefiche, oggettivamente un po’ ce ne passa. Credo, perciò,  che il polarizzarsi  sul più appariscente impressionante distragga dall’approfondire  e fermamente denunciare altre patogenesi indotte  da  ben più insidiosi agenti invisibili, quali le famigerate “PM10”, benzeni  e micidiali particolati vari, abbondantemente prodotti e forzati  (noi )  ad inalare dal traffico veicolare, riscaldamenti domestici ( anche i caminetti a legna fanno la loro parte !),  come altri particolati da usure di gomme e ferodi di freni, tanto per citarne alcuni, e quant’altro si deposita sul sedime stradale …per essere poi risollevato ed “arricchito” da ogni marmitta di scarico che passa ! A proposito, chi ricorda quando e perché si faceva un sistematico lavaggio delle strade ? Eppure l’Organizzazione Mondiale per la Sanità non cessa di lanciare appelli allarmanti sui danni del traffico veicolare, specie urbano, ma stranamente pare che la sensibilità collettiva su quest’argomento venga ovattata da una sorta di un oscuro senso di colpa personale per il contributo che noi stessi diamo con le nostre auto  (magari pure trascurate nelle manutenzioni… e perché poi privarci magari anche di quel seppur breve momento di sosta a sfogliare il giornale davanti all’edicola col motore acceso ?!  )  ma soprattutto  politica perché è più facile e più “popolare” cavarsela con  nuovi parcheggi ( che “fanno anche cassa”!)  anziché potenziare  i pubblici trasporti in funzione tutelare  della pubblica salute .  E fermo restante che si trovano sempre i disponibili e pronti a lanciare anatemi politici contro gli “avvelenatori” collusi, o accorrere in piazza, magari con il nostro bel “SUV” , ad urlare gli arrabbiati  “delenda” contro il solito, unico “Moloch” che le sue colpe le avrà, ma non certo le maggiori !A quando, dunque,  una martellante mobilitazione contro le produzioni ( tutte!) di “PM10”, 5, 2,5 ed a scendere, perché respiriamo anche quelle atomizzate  di cui mai si da conto? E del gas “Radon” radioattivo che ci attenta dal sottosuolo, chi ci informa, almeno per dirci come difendercene al meglio possibile ? E chi si ricorda più del famigerato “inquinamento elettromagnetico” , visto che se ne stanno cominciando a scoprire i danni dai telefonini che ci stanno raccomandando di tenere ad almeno due centimetri di distanza e non  incollati all’orecchio ? Credo che ci sia abbastanza carne al fuoco per Sindaci , politici e movimenti vari  che non si vogliano limitare a sparse guerriglie di posizione.

 

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com