ambientalisti attaccati al fumo

“Gli ambientalisti …attaccati al fumo”

3 Dicembre 2015
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Non prenderemo mai soldi dall’Enel: noi siamo diversi”. Fu questo uno degli slogan più incisivi della campagna elettorale grillina. D’altronde la maggior parte degli attivisti del movimento erano ambientalisti convinti, acerrimi guerrieri impegnati da anni nel conflitto pacifico contro il colosso Enel. Ricordiamo le loro prese di posizione determinate e perentorie, le proteste, le manifestazioni… Ricordiamo tutto noi. Loro forse no. Perché ad oggi, di quell’atteggiamento ostile, è rimasto solo fumo…
Oggi corre a Roma il sindaco Cozzolino, ma non è impegnato in una maratona benefica: implora l’Enel affinché lo aiuti… Lo sconcerto immediato difronte alla notizia di oggi, lascia poi il posto ad una riflessione inevitabile: 17 mesi di tempo perduto, nel quale si è voluta dare un’immagine di cambiamento vuota, inconsistente, infondata, per studiare, leggere, capire… Quando si amministra le necessità contingenti portano a rivedere le ideologie. E le ideologie non possono non scontrarsi ed interfacciarsi con i bisogni della gente. 17 mesi sprecati, mentre il disagio sociale si fa sempre più pressante e le tasse comunali raggiungono livelli inaccettabili. 17 mesi in cui i soldi chiesti oggi avrebbero potuto dare ossigeno alla collettività. Ma una giunta ambientalista ha detto no. Ieri no. Oggi invece sì”.

Lo dichiarano in una nota Giancarlo Frascarelli coordinatore club Forza Silvio ed Emanuela Mari vice coordinatore Forza Italia


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo