civitavecchia 1920 classe 2003

I Giovanissimi nerazzurri trionfano anche a Riccione

17 Giugno 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo il Pulcino d’Oro altra vittoria prestigiosa per i 2003 di Gualtieri.

Ancora trionfi per i ragazzi classe 2003 del Civitavecchia, diretti per l’ultimo anno da Andrea Gualtieri.
All’indomani del Pulcino d’Oro i nerazzurri hanno conquistato anche il torneo nazionale di Riccione: un poker di successi in queste due competizioni nell’arco di un solo anno solare.
«Sono orgoglioso – dichiara mister Gualtieri – del lavoro svolto in questi anni insieme a questi ragazzi a cui ho dato tanto, essendo al contempo ripagato comunque alla grande dai loro comportamenti e dalle positive prestazioni espresse sovente sul campo». Un gruppo solido e di qualità quello dei Giovanissimi nerazzurri, che ha riscosso significativi successi in questi anni, riuscendo in questa maniera a scrivere una porzione importante di storia all’interno del glorioso
club tirrenico. «Abbiamo provato- conclude l’allenatore nerazzurro – a fare le cose in un determinato modo e, onestamente, credo che oltre ad aver raccolto buoni frutti si è lasciato ai posteri un tipo di filosofia che i ragazzi ora hanno a mio avviso ben assimilato». Dopo aver sconfitto in finale la Leocon al Pulcino d’Oro i baby civitavecchiesi, a Riccione, hanno battuto i pari età del Modena San Faustino dinanzi a circa 2000 spettatori, mostrando dunque talento
ma anche carattere e tanto sangue freddo, una tipica peculiarità quest’ultima, incline a chi è solitamente predestinato.

 


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo