Emanuela Mari

Forno Crematorio. Mari: “Come si può partire con un progetto senza che ci siano le autorizzazione necessarie?”

28 Ottobre 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

” Come si può partire con un progetto senza che ci siano le autorizzazione necessarie?” a domandarselo è Emanuela Mari Vice coordinatrice locale di Forza Italia che incalza l’amministrazione comunale sulla questione forno crematorio.  “Un’ amministrazione che si è caratterizzata per il suo immobilismo ma che è diventata più veloce di Speedy Gonzales nella approvare atti e rilasciare permessi relativi al forno crematorio.  In effetti i lavori al cimitero nuovo sono iniziati anche senza l’ Aua autorizzazione unica ambientale che esprime il parere dell’ area metropolitana e di altri enti quali la ASL  su scarichi idrici in corpo superficiale, emissioni convogliate in atmosfera ed inquinamento acustico. solitamente l’aua indica delle prescrizioni e mi domando cosa faranno se le prescrizioni riguarderanno i lavori già svolti?  la data indetta per la conferenza dei sevizi è il 18 gennaio 2017 allora perché tanta fretta nell’inizio dei lavori, visto che l autorizzazione unica ambientale è stata richiesta solo in data 20 ottobre presso il sua del comune? Quindi ci sarebbe tutto il tempo di rimettere in discussione il progetto se davvero si tiene alla salute dei cittadini. Infine arriva l’ultima stoccata ai consiglieri comunali che difendono a spada tratta il progetto,  scusate voi che avete libero accesso agli atti non sapevate che mancava un autorizzazione così importante?”.

 

 


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo