ll vicesindaco Enrico Luciani ha formalizzato ai liquidatori HCS  la disposizione di pagare gli stipendi entro domani, fatti salvi i tempi tecnici di accredito delle singole banche. Insieme agli emolumenti di luglio verranno regolarmente liquidate anche le 14esime. Intanto l’Amministrazione è tornata a richiedere l’attivazione di un tavolo istituzionale presso la Regione Lazio.

Qui di seguito il testo integrale della lettera firmata dal sindaco Tidei d inviata al Presidente Nicola Zingaretti, all’assessore alle Politiche del territorio, Mobilità, Rifiuti Michele Civita, all’assessore alle Infrastrutture Fabio Refrigeri e all’assessore al lavoro Lucia Valente, coinvolti nella problematica insieme ai colleghi Alessandra Sartore ( Bilancio) e Guido Fabiani (Sviluppo)

Ecco il testo:

“Si richiede con urgenza, la convocazione di un tavolo interistituzionale per affrontare la preoccupante situazione di H.C.S., all’indomani del mancato accoglimento da parte del Tribunale di Civitavecchia, della domanda di omologa del piano di concordato presentato da questo Ente lo scorso 6 maggio.

Si rammenta che già nel mese di maggio è stato convocato un tavolo, al quale hanno partecipato gli Assessori dei Nostri Enti competenti e le parti sociali.

Per memoria, mi permetto di ricordare che la mia Giunta ha ereditato dalla precedente amministrazione una società con circa 26 milioni di euro di debito, situazione finanziaria disastrosa che lasciava pensare al fallimento come unica strada da intraprendere.

H.C.S. S.r.l., con socio unico il Comune di Civitavecchia, svolge un ruolo di primissimo piano per la comunità civitavecchiese nella gestione di servizi pubblici locali ed un eventuale fallimento della società, causerebbe la perdita di 420 posti di lavoro, con gravi ripercussioni sociali ed economici sul nostro territorio, ragion per cui da quando ci siamo insediati stiamo lavorando costantemente per scongiurare tale ipotesi.

Da non trascurare, inoltre, la situazione personale e familiare di molti lavoratori che prestano servizio nelle società, al fine di escludere il forte rischio di emarginazione socio-economica se dovesse venir meno questa importante realtà lavorativa”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com