*

merry christmas

🎄🎅🏻 Auguri di buon Natale a tutti i nostri lettori 🎄🎅🏻

Lotto%206a

Flautissimo Outdoor, il programma aggiornato degli eventi

27 Gennaio 2016
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

28 gennaio 2015 –  ore 20,45 – TARQUINIA  Cinema Etrusco  – ingresso € 3.50 (incasso totalmente devoluto al Comitato per il Diritto alla Mobilità di Tarquinia)

29 gennaio 2015 – dalle ore 17  – ALLUMIERE  Palazzo Camerale – ingresso gratuito

Lotto 6a – una strada millenaria un documentario di Stefano Cioffi

Il documentario è un affascinante cammino nei luoghi in cui si sta costruendo l’autostrada sopra il sedime dell’Aurelia (SS 1) che racconta l’impegno del Comitato per il Diritto alla Mobilità di Tarquinia e i due mesi di lotta intrapresi per difendere il diritto alla mobilità, alla trasparenza e all’informazione.

L’Aurelia è la Strada Statale n.1 e collega Roma alla Francia. Il segmento tra Civitavecchia e Grosseto, dopo aver aspettato per anni la messa in sicurezza prevista nel progetto ANAS 2001,  è stato ceduto gratuitamente fino al 2046, da ANAS alla SAT (Società Autostrada Tirrenica) perché quest’ultima realizzi l’Autostrada Tirrenica (Rosignano-Civitavecchia). Il progetto definitivo del Lotto 6A (Civitavecchia-Tarquinia) trasforma l’Aurelia da Strada Statale in Autostrada a pedaggio. Una soluzione inutile e irrazionale, lesiva della mobilità delle comunità coinvolte, del paesaggio e dell’ambiente circostante e non rispondente ad alcun interesse superiore della collettività. Il Comitato per il Diritto alla Mobilità di Tarquinia nasce con l’intento di dare forza alle istanze presentate in difesa del territorio interessato dai lavori del Lotto 6A dell’Autostrada Tirrenica.  Dopo due esposti alla Prefettura di Viterbo e alla Procura di Civitavecchia, sottoscritti da oltre 1000 cittadini, dal 7 gennaio 2014 il Comitato decide di presidiare uno dei tanti accessi alla Statale destinati alla chiusura, quello della località Farnesiana, esempio e simbolo dei disagi causati dalla nuova autostrada all’intera comunità. Per oltre 60 giorni e 60 notti i sostenitori del Comitato hanno presidiato l’accesso, stretti intorno a un grande fuoco, difeso dalla pioggia e dal vento, con la stessa cura e convinzione con le quali si è cercato di difendere il diritto alla mobilità, alla trasparenza e all’informazione, diritti inalienabili ma finora ignorati. Oggi i residenti aspettano con speranza che il Consiglio di Stato si esprima sul ricorso presentato nel 2011 al Tar Lazio: finalmente il ponte sul Fiume Mignone è stato non solo riconosciuto come opera indispensabile mancante nel progetto esecutivo approvato da tutti gli enti preposti, ma deve essere anche realizzato e gli accessi della Farnesiana e di Pantano di sopra dovranno essere mantenuti aperti per evitare ai residenti un giro infinito di strada per utilizzare un ponte che li unisce l territorio di Tarquinia. Per questo risultato è stato pagato un prezzo altissimo dai cittadini di Tarquinia, tre anni di lavoro, di manifestazioni, di esposti, di siti in nei quali i cittadini erano disposti a tutto pur di difendere un diritto leso

29 gennaio 2016 – ore 11 – LADISPOLI Sala Consiliare

Il Canto del Sabir

Stefano Saletti, oud , bouzouki, percussioni, voce

Barbara Eramo, voce

Da anni presente sulla scena italiana e internazionale nell’ambito della musica world, etnica e della canzone popolare, Stefano Saletti ha riscoperto il Sabir, l’antica lingua del Mediterraneo e insieme a Barbara Eramo l’ha fatta rivivere scrivendo intensi brani che ne attraversano i suoni e le culture, unite alle atmosfere della tradizione popolare del sud e a melodie balcaniche, greche, arabe e sefardite.  Grazie ai tanti strumenti suonati (bouzouki, oud, chitarra, percussioni, u-bass, drums kit) il duo può essere considerato una piccola orchestra viaggiante che attraversa porti e approdi del Mare Nostrum e dare vita al particolare progetto acustico di grande fascino “Il canto del  Sabir”.

30 gennaio 2015 – ore 16,30 – ORIOLO ROMANO Palazzo Altieri – ingresso gratuito

Il pomeriggio di un fauno – un flauto immaginario

testo di Ennio Speranza

Fabio Traversa, voce recitante

Musiche di Debussy, Saint Saens, Vivaldi

“Il pomeriggio di un fauno” è soprattutto una fantasticheria, un gioco, una serie di riflessioni semi-serie che vedono quale protagonista il flauto. È forse un pretesto o un modo eccentrico per parlare del fascino di uno strumento che da millenni e millenni non smette di essere soffiato, adottato, suonato, nelle musiche più disparate e nei luoghi più diversi. E a narrare di questo fascino – raccontato dal testo di Ennio Speranza c’è Fabio Traversa che condurrà gli spettatori presenti alla scoperta del flauto e della musica con un modo diverso e invitante per avvicinarsi a uno strumento fascinoso e magico, ricco e poliedrico, presente in tutte le culture musicali del mondo.

 


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo