FDI Circolo Almirante sulla recente visita del Ministro Costa a Civitavecchia: “Tanta fuffa e poca sostanza

23 Gennaio 2019
Condividi

Vogliamo sapere cosa ci aspetta dopo il 2025”. “l’Amministrazione Comunale targata M5S è stata la giunta più benevola ed accondiscendente con Enel nella storia di Civitavecchia”.

«Il Ministro Costa è venuto fino a Civitavecchia per raccontarci quello che sappiamo ormai da tempo, ampiamente preannunciato dagli stessi vertici della azienda elettrica mesi fa, e cioè che dal 2025 la centrale Enel di Torre Valdaliga Nord non brucerà più carbone ma altro. E qual’è la novità? Quello che non c’ha detto però il Ministro Costa, nel suo tour elettorale per il Movimento Cinque Stelle ed il sindaco Cozzolino, è come verrà utilizzata la Centrale dopo il 2025, visto che in più riprese i vertici della Spa elettrica hanno fatto sapere che  TVN rimarrà comunque aperta e continuerà a produrre energia non rinnovabile». Così il circolo “Giorgio Almirante” di Fratelli D’Italia ha commentato la visita a Civitavecchia del Ministro dell’Ambiente Costa. Il direttivo dell’Almirante guarda con preoccupazione al futuro della centrale perché teme che arrivino i rifiuti della Capitale: “Grazie all’incapacità del sindaco grillino di Roma Virginia Raggi e del presidente Pd del Lazio Zingaretti, che amministra grazie anche al sostegno del M5S grazie al cosiddetto “Patto d’aula“, che non ha saputo approvare in 5 anni un piano per i rifiuti, la Capitale e la Regione Lazio sono in emergenza e non vorremmo che qualcuno pensasse di bruciare i rifiuti di Roma a Civitavecchia, a Tvn,  al posto del carbone. Fratelli d’Italia, come dimostrato anche di recente con le puntuali interrogazioni dei nostri consiglieri regionali, è vigile e non lo permetterà mai!”
«Signor Ministro e signor Sindaco – chiedono dal partito di Giorgia Meloni – cosa ci toccherà dopo il carbone?»
Il circolo Almirante ricorda che la chiusura della centrale a carbone era già stata decisa dal precedente governo, senza però legiferare sulle politiche energetiche sostitutive, lasciando libero arbitrio ad Enel, cosa che, a quanto sembra, sta avvenendo anche con l’attuale governo gialloverde. «Lo stop al carbone dal 2025 era già stato previsto e preannunciato dai vertici Enel e dalla nuova strategia energetica nazionale presentata dal precedente governo Gentiloni (Strategia Energetica Nazionale 2017).
D’altronde, in quasi cinque anni di amministrazione Cozzolino, abbiamo imparato sulla nostra pelle che l’ambientalismo pentastellato è solo di facciata, una bandiera da sventolare abilmente in campagna elettorale, salvo poi riporla in un cassetto una volta accomodatisi nella poltrona di sindaco o di assessore…ricordiamo tutti lo slogan “con noi a Civitavecchia non si brucerà più neanche un fiammifero”: la verità è che con la giunta Cozzolino, che, peraltro, con grande velocità ha completato l’iter per il forno crematorio, le centrali hanno continuato a lavorare a pieno regime ed inquinare, con due importanti novità: hanno potuto licenziare liberamente, preannunciando anche ulteriori riduzioni di organico, non rispettando gli impegni assunti con i precedenti protocolli di intesa sottoscritti con il Comune di Civitavecchia per la conversione di Torre Nord; l’Amministrazione pentastellata ha addirittura abbuonato ad Enel investimenti nell’eolico per quasi trecento milioni di euro, previsti dal precedente protocollo di intesa Comune-Enel, impegnandosi addirittura a restituirne circa diciassette già corrisposti alla precedente amministrazione comunale…un fatto senza precedenti!
Dunque mai, in tanti anni, l’Enel ha avuto una amministrazione comunale più debole ed accondiscendente di quella attuale a Civitavecchia: alla faccia degli ambientalisti!
Vorrà dire che ci penserà il centrodestra, dopo aver vinto le europee e le amministrative del 26 maggio, con Fratelli d’Italia in testa, assumendo impegni certi per lo smaltimento o la riconversione “ecologica” del sito produttivo, che garantisca gli attuali livelli occupazionali e consenta di riassorbire i lavoratori licenziati a Torre Sud e da Italcementi, ancora in attesa di risposte dall’attuale amministrazione. Vogliamo proporre ai nostri alleati un nuovo protocollo d’intesa vincolante tra Enel e Comune, che annulli gli sconti e gli abbuoni concessi al colosso energetico dalla giunta Cozzolino e preveda nuove formule risarcitorie per la servitù presente, passata e futura. Con Fratelli D’Italia a palazzo del Pincio Civitavecchia avrà una amministrazione comunale pronta a difendere gli interessi della città nei confronti di chi ha prodotto miliardi di euro di utili inquinando il nostro territorio e che ha il dovere di reinvestire una parte di quegli utili a favore della comunità civitavecchiese» concludono dal circolo Almirante di Fratelli D’Italia.
Civitavecchia, 22 gennaio 2019
IL COORDINAMENTO DEL CIRCOLO TERRITORIALE DI CIVITAVECCHIA “GIORGIO ALMIRANTE” DI FRATELLI D’ITALIA
image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo





Condividi
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo