FDI Circolo Almirante sulla recente visita del Ministro Costa a Civitavecchia: “Tanta fuffa e poca sostanza

23 Gennaio 2019
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Vogliamo sapere cosa ci aspetta dopo il 2025”. “l’Amministrazione Comunale targata M5S è stata la giunta più benevola ed accondiscendente con Enel nella storia di Civitavecchia”.

«Il Ministro Costa è venuto fino a Civitavecchia per raccontarci quello che sappiamo ormai da tempo, ampiamente preannunciato dagli stessi vertici della azienda elettrica mesi fa, e cioè che dal 2025 la centrale Enel di Torre Valdaliga Nord non brucerà più carbone ma altro. E qual’è la novità? Quello che non c’ha detto però il Ministro Costa, nel suo tour elettorale per il Movimento Cinque Stelle ed il sindaco Cozzolino, è come verrà utilizzata la Centrale dopo il 2025, visto che in più riprese i vertici della Spa elettrica hanno fatto sapere che  TVN rimarrà comunque aperta e continuerà a produrre energia non rinnovabile». Così il circolo “Giorgio Almirante” di Fratelli D’Italia ha commentato la visita a Civitavecchia del Ministro dell’Ambiente Costa. Il direttivo dell’Almirante guarda con preoccupazione al futuro della centrale perché teme che arrivino i rifiuti della Capitale: “Grazie all’incapacità del sindaco grillino di Roma Virginia Raggi e del presidente Pd del Lazio Zingaretti, che amministra grazie anche al sostegno del M5S grazie al cosiddetto “Patto d’aula“, che non ha saputo approvare in 5 anni un piano per i rifiuti, la Capitale e la Regione Lazio sono in emergenza e non vorremmo che qualcuno pensasse di bruciare i rifiuti di Roma a Civitavecchia, a Tvn,  al posto del carbone. Fratelli d’Italia, come dimostrato anche di recente con le puntuali interrogazioni dei nostri consiglieri regionali, è vigile e non lo permetterà mai!”
«Signor Ministro e signor Sindaco – chiedono dal partito di Giorgia Meloni – cosa ci toccherà dopo il carbone?»
Il circolo Almirante ricorda che la chiusura della centrale a carbone era già stata decisa dal precedente governo, senza però legiferare sulle politiche energetiche sostitutive, lasciando libero arbitrio ad Enel, cosa che, a quanto sembra, sta avvenendo anche con l’attuale governo gialloverde. «Lo stop al carbone dal 2025 era già stato previsto e preannunciato dai vertici Enel e dalla nuova strategia energetica nazionale presentata dal precedente governo Gentiloni (Strategia Energetica Nazionale 2017).
D’altronde, in quasi cinque anni di amministrazione Cozzolino, abbiamo imparato sulla nostra pelle che l’ambientalismo pentastellato è solo di facciata, una bandiera da sventolare abilmente in campagna elettorale, salvo poi riporla in un cassetto una volta accomodatisi nella poltrona di sindaco o di assessore…ricordiamo tutti lo slogan “con noi a Civitavecchia non si brucerà più neanche un fiammifero”: la verità è che con la giunta Cozzolino, che, peraltro, con grande velocità ha completato l’iter per il forno crematorio, le centrali hanno continuato a lavorare a pieno regime ed inquinare, con due importanti novità: hanno potuto licenziare liberamente, preannunciando anche ulteriori riduzioni di organico, non rispettando gli impegni assunti con i precedenti protocolli di intesa sottoscritti con il Comune di Civitavecchia per la conversione di Torre Nord; l’Amministrazione pentastellata ha addirittura abbuonato ad Enel investimenti nell’eolico per quasi trecento milioni di euro, previsti dal precedente protocollo di intesa Comune-Enel, impegnandosi addirittura a restituirne circa diciassette già corrisposti alla precedente amministrazione comunale…un fatto senza precedenti!
Dunque mai, in tanti anni, l’Enel ha avuto una amministrazione comunale più debole ed accondiscendente di quella attuale a Civitavecchia: alla faccia degli ambientalisti!
Vorrà dire che ci penserà il centrodestra, dopo aver vinto le europee e le amministrative del 26 maggio, con Fratelli d’Italia in testa, assumendo impegni certi per lo smaltimento o la riconversione “ecologica” del sito produttivo, che garantisca gli attuali livelli occupazionali e consenta di riassorbire i lavoratori licenziati a Torre Sud e da Italcementi, ancora in attesa di risposte dall’attuale amministrazione. Vogliamo proporre ai nostri alleati un nuovo protocollo d’intesa vincolante tra Enel e Comune, che annulli gli sconti e gli abbuoni concessi al colosso energetico dalla giunta Cozzolino e preveda nuove formule risarcitorie per la servitù presente, passata e futura. Con Fratelli D’Italia a palazzo del Pincio Civitavecchia avrà una amministrazione comunale pronta a difendere gli interessi della città nei confronti di chi ha prodotto miliardi di euro di utili inquinando il nostro territorio e che ha il dovere di reinvestire una parte di quegli utili a favore della comunità civitavecchiese» concludono dal circolo Almirante di Fratelli D’Italia.
Civitavecchia, 22 gennaio 2019
IL COORDINAMENTO DEL CIRCOLO TERRITORIALE DI CIVITAVECCHIA “GIORGIO ALMIRANTE” DI FRATELLI D’ITALIA

Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!


  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo