consiglieri_militari

Elezioni. Militari di stanza a Mosul non voteranno per un “ingorgo” burocratico

3 Marzo 2018
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Incredibile vicenda che sta riguardando un gruppo di militari italiani, di stanza a Mosul in Iraq, che non potrà votare per un ingorgo burocratico.

I militari, alcuni del quali appartenenti al 7° reggimento NBC di Civitavecchia (caserma Piave), dovevano rientrare in patria a fine febbraio.

Sono stati trattenuti a Mosul proprio per farli votare, ma questo non sarà possibile, nonostante abbiano fatto regolare domanda all’ambasciata italiana.

La situazione ha creato forti malumori tra i militari e non sembra sia stato possibile risolverla. Intanto, i famigliari in Italia hanno segnalato la cosa ad alcuni partiti politici.


Iscriviti per ricevere il Giornale Online sulla tua Email, è GRATIS!!!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

© 2013 - 2019, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo