“Il tentativo di dereponsabbilizzarsi per quanto non fatto negli anni è di per sé grave, se poi a pagarne le conseguenze devono essere i cittadini il tutto diventa grottesco e inaccettabile. Alemanno in cinque anni da sindaco di Roma non solo non è riuscito a combinare alcunchè sul tema della raccolta differenziata, ma ogni qualvolta si parlava della chiusura di Malagrotta ha mostrato incapacità, mancanza di risoluzione e soprattutto prepotenza: oggi i rifiuti di Roma non possono diventare infatti una spada di Damocle per tutto il territorio della Provincia, che già paga un dazio molto forte in termini ambientali e troppo spesso è stata interpretata come territorio “colonizzabile” dalle necessità della capitale.”

Così l’On. Marietta Tidei in una nota sulla polemica riguardo alla collocazione della nuova discarica che dovrebbe sostituire Malagrotta, l’intervento continua:

“Forse qualcuno pensa di poter continuare a giocare a rimpiattino sulla pelle dei cittadini di tutta la Provincia di Roma, non rendendosi conto che Malagrotta è ormai al collasso e la mancanza di una soluzione arrecherebbe danni ben maggiori ai cittadini di Roma, parimenti non si può pensare che alcuni problemi frutto di inefficienze croniche possano essere collettivizzati come atto di “sudditanza”, come quello che l’ex sindaco di Roma sembra chiedere di nuovo alla città di Allumiere e a questo territorio; l’insipienza del centrodestra ha creato l’emergenza rifiuti a Roma, ora per favore ci risparmino la recita del ruolo dei barricaderi dell’ultima ora, continuando a a far girare a vuoto la soluzione di un problema che rischia di esplodere, bene ha fatto il presidente Zingaretti ha rispondere ad Alemanno nel merito e a chiarire la sua posizione col Ministero della Difesa, il presidente della Ragione Lazio ha dimostrato, a differenza di altri di voler davvero risolvere l’emergenza rifiuti”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com