Comune di Montalto di Castro. Sport, l’amministrazione proroga le concessioni degli immobili di ulteriori 3 anni

26 Febbraio 2021
  • 4
    Shares

L’assessore Corona: «Il sostegno allo sport una nostra priorità»

 

Con delibera di Giunta l’amministrazione comunale ha aderito al Decreto Legge 34/2020 in merito alle misure di sostegno alle politiche sociali connesse all’emergenza Covid.

«Aderendo a quanto previsto dall’articolo 216 comma 2 del decreto – commenta l’assessore allo sport Giovanni Corona – abbiamo prorogato i termini delle concessioni in essere degli impianti sportivi comunali, che ne hanno fatto richiesta, per un periodo di ulteriori tre anni oltre la scadenza prevista da ciascun atto di concessione.

Tutto ciò, come peraltro modificato e confermato nella legge di conversione 77 del 17 luglio 2020, al fine di consentire e agevolare un possibile riequilibrio economico-finanziario dei bilanci delle società/associazioni sportive affidatarie degli impianti stessi.

Una scelta comunque non scontata – aggiunge l’assessore – poiché il Decreto Legge del Governo non era un obbligo per le amministrazioni.

Lo abbiamo fatto – conclude Corona – come ulteriore forma di sostegno, dopo quella dell’azzeramento dei canoni per i mesi di chiusura e i contributi della commissione comunale, convinti che il mondo dello sport, alle porte dell’ennesima proroga di chiusura degli immobili ad esso dedicati, vada ulteriormente incentivato alla ripartenza in tutti i modi possibili, visto che rappresenta un settore trainante sia a livello sociale che economico per il nostro Paese».

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo



ottica di luzio nuova



  • 4
    Shares

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2021, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo