Civitavecchia, Pd contrario all’ordinanza del Sindaco Tedesco sulla movida

16 Novembre 2020
Condividi
  • 2
    Shares

Riteniamo che, passando da un estremo all’altro, si passi appunto da un errore all’altro.
L’ordinanza con la quale il Sindaco vieta di stazionare in alcune vie e zone della città, rischia di essere una decisione punitiva per molti esercenti, presenti nelle zone suddette, che hanno sempre rispettato le regole a dispetto di qualche episodio circoscritto e puntualmente individuato.
Intanto la responsabilità, in primis, è di chi deve assicurare controlli costanti nelle vie maggiormente soggette al transito di persone. Diverse segnalazioni nei giorni scorsi sono arrivate alle forze dell’ordine locali, e al Sindaco stesso, riguardo continue inosservanze delle regole di distanziamento e mantenimento della mascherina. Senza i controlli opportuni le ordinanze rischiano di non avere alcuna efficacia. Basta acquistare qualsiasi consumazione e spostarsi in una zona della città non soggetta ad ordinanza, eludendo così le restrizioni. Con i dovuti controlli, coordinando un lavoro collettivo tra le forze a disposizione della città, sarebbe possibile assicurare il rispetto dei decreti governativi senza danneggiare gli esercizi commerciali che insistono sulle vie indicate dal Sindaco. Chiediamo dunque alle forze di maggioranza di ripensare l’ordinanza emessa, dando la possibilità alle attività già duramente provate dal contesto pandemico di continuare a lavorare senza ulteriori difficoltà, contrastando le irregolarità con l’unico strumento davvero efficace: il controllo delle strade.
PARTITO DEMOCRATICO CIVITAVECCHIA
image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo






Condividi
  • 2
    Shares

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo