sfermina1

Bagno di folla per Santa Fermina. La città ha salutato la sua Patrona nel segno della tradizione. Una giornata intensa, accompagnata fortunatamente dal sole, che si è aperta con la sfilata della banda Puccini per le vie del centro e l’esibizione degli sbandieratori di Amelia. Sempre in mattinata si è svolto un importante incontro tra i sindaci di Civitavecchia ed Amelia che hanno firmato un protocollo d’intesa tra le due città sul turismo e la cultura. Nel pomeriggio spazio alla tradizionale processione che però ha visto la pesante assenza del corteo storico della Pro Loco. All’ingresso del Porto il Vescovo Marrucci ha salutato l’arrivo della fiaccola della staffetta podistica Civitavecchia-Amelia con la quale è stato acceso il cero posto sotto la statua della Santa davanti al Forte Michelangelo. L’ingresso della statua di Santa Fermina in porto è stata poi come sempre salutata dal suono delle sirene delle navi (tra le quali molte crociere ed anche la portaerei Cavour) che hanno accompagnato la processione in mare. All’uscita del porto è stata letta la preghiera del marinaio ed i sindaci di Civitavecchia e Amelia hanno poi gettato in acqua una corona d’alloro in memoria delle tante persone che hanno perso la vita in mare. Particolarmente significativo il passaggio sotto la statua della Patrona all’antemurale, con la deposizione di una corona di fiori da parte di una delegazione dei Vigili del Fuoco della caserma Bonifazi dopo le polemiche degli ultimi giorni sull’autorizzazione, prima negata e poi concessa, per la loro partecipazione ai festeggiamenti della Patrona. Oltre al corteo religioso ci sono state tante altre iniziative tra cui diverse mostre e il raduno di auto storiche tra le quale anche quelle delle forze dell’ordine. Alla Marina infine, sono state prese d’assalto le classiche bancarelle.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com