È stato presentato questa mattina in Sala Ruspoli a Cerveteri il progetto ‘Spazio Famiglia’, un insieme di servizi gratuiti destinati alle famiglie del territorio e al rapporto tra genitori e figli in momenti particolari della vita familiare. Il progetto comprende anche l’istituzione di uno sportello d’ascolto, che è già aperto in Via Vilnius, n.8 a Ladispoli. Lo sportello rimarrà aperto il lunedì e il venerdì dalle ore 16.30 alle ore 19.30. L’iniziativa è patrocinata dalle Amministrazioni comunali di Cerveteri e Ladispoli e dalla ASL RM-F in collaborazione con le Cooperative ‘Luogo Comune’, ‘Karibù’ e ‘Gli Amici di Tippete’.
“Obiettivo del progetto – spiega Francesca Cennerilli, Assessore alle Politiche alla Persona del Comune di Cerveteri – è offrire sostegno psicologico e pedagogico a tutte le famiglie residenti nel territorio, ed in particolar modo a quelle che stanno affrontando un momento di difficoltà, come una separazione, un divorzio o nel corso delle procedure di affidamento”.
“E’ un ulteriore tassello messo dalle Amministrazioni comunali – ha detto l’assessore alle politiche sociali del Comune di Ladispoli, Roberto Ussia – a sostegno e a favore delle politiche della famiglia in un’ottica di prevenzione delle conflittualità genitoriali”.
Il progetto prevede tre tipologie di intervento. Il servizio ‘Incontri Spazio Neutro’ vuole garantire al genitore non affidatario la possibilità di poter esercitare il proprio diritto di visita del figlio. Sono poi proposti una serie di Progetti Educativi a Termine (P.E.T.), volti a promuovere e migliorare il rapporto tra i componenti del nucleo familiare. Infine, il servizio di ‘Mediazione Familiare’, è un percorso finalizzato a facilitare i rapporti tra genitori e figli durante il periodo del divorzio o in quello immediatamente successivo.
Un ulteriore importante aspetto del progetto è quello del servizio di consulenza legale, anche questo gratuito per gli utenti. Personale qualificato fornirà informazioni e chiarimenti su specifici aspetti giuridici, soprattutto nelle situazioni riguardanti i minori e le famiglie assistite dai Servizi Sociali o pure seguite dalle Autorità Giudiziarie. 
Maggiori informazioni al numero 327.46.48.326 
image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com