Cerveteri, copertoni e rifiuti dati alle fiamme. Intervento straordinario della Protezione Civile e della Polizia Locale nella notte

19 Marzo 2019
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

I responsabili sono stati successivamente individuati ed ora sono in corso approfondimenti

Una notte di intenso lavoro quella appena trascorsa per il Gruppo Comunale di Protezione Civile di Cerveteri.

A seguito di una segnalazione, già ripetuta nelle notti precedenti, il Gruppo operativo è riuscito a rintracciare il luogo, nelle campagne di Cerveteri, dei focolai che da diversi giorni emanavano odori fortissimi nelle zone limitrofe.

“Appena la nostra Protezione Civile, intervenuta con due equipaggi appartenente al nucleo antincendio, ha trovato una situazione davvero difficile da gestire – ha dichiarato il Sindaco Alessio Pascucci – ma soprattutto una situazione di grave pericolo per il territorio e per l’aria che respiriamo. Alcuni, poi successivamente identificati e sui quali ora sono in corso accertamenti ed indagini, hanno dato alle fiamme copertoni e rifiuti vari. È stato necessario lavorare diverse ore prima dello spegnimento delle fiamme, ma grazie ad un lavoro sinergico tra Protezione Civile e Polizia Locale, coordinata dalla Comandante Cinzia Luchetti le nostre squadre sono riuscite prima a spegnere il fuoco e poi a bonificare l’area”.

“Un ringraziamento particolare – prosegue Pascucci – va ai volontari Riccardo Pintus, Luciano Marcelletti e Andrea Paradisi, che coordinati dal nostro Funzionario Renato Bisegni hanno lavorato in maniera incessante e con estrema professionalità per lo spegnimento dell’incendio, confermando ancora una volta tutta la loro professionalità e competenza sul campo”.

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE


lL PROGRAMMA PER IL MESE LUGLIO DI “ARTE… IN CENTRO”
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share
  •  
    1
    Share
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •