Cerenova, rifiuti abbandonati in Via dei Tirreni: Guardie Ecozoofile rintracciano il responsabile

3 Agosto 2020
Condividi

Sopralluoghi a tappeto del Gruppo coordinato da Mauro Di Stefano.

Blitz vincente da parte delle Guardie Ecozoofile di Fare Ambiente in Via dei Tirreni a Cerenova. Il gruppo volontario coordinato da Mauro Di Stefano, nel corso dei quotidiani controlli nel territorio, è infatti riuscito a risalire al responsabile di un abbandono di rifiuti. Elevato il verbale, si è proceduto alle pratiche per la rimozione dei rifiuti.

“Si conferma l’importanza nel territorio del gruppo delle Guardie Ecozoofile di Fare Ambiente – ha dichiarato l’Assessora alle Politiche Ambientali Elena Gubetti – in questi giorni di piena estate, abbiamo ulteriormente intensificato i controlli, che purtroppo ci hanno dato conferma di come siano ancora in molti a non volersi adeguare alle regole della raccolta differenziata. Va specificato, soprattutto a chi si rende protagonista di questo tipo di comportamenti, che oltre a commettere un danno da un punto di vista ambientale, le sue azioni si ripercuotono anche sulle tasche dei cittadini, che si ritrovano costretti a pagare dei conferimenti straordinari in discarica di rifiuti che se smaltiti correttamente potrebbero essere tranquillamente avviati alla differenziazione”.

“Continueremo – prosegue l’Assessora Gubetti – insieme alla Polizia Locale, alle Forze dell’Ordine e alle Guardie Ecozoofile a presidiare il territorio e a fare controlli. Ma come sempre, è necessario che tutti remino nella stessa direzione. Solamente attenendoci alle regole, avremo una città più pulita e decorosa”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo





Condividi

Lascia un commento

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
© 2013 - 2020, TRIP-TV-2094 AGENZIA DI STAMPA - Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti senza citarne la fonte.
Registrazione presso il Tribunale di Civitavecchia n. 4/13 del 22/02/2013 | Direttore Responsabile: Barbara Fruch, Direttore Editoriale: Pietro Russo