conferenzacv

Il Civitavecchia si è iscritto al campionato di Eccellenza. Come anticipato nel tardo pomeriggio di lunedì dal nostro sito internet www.0766news.it, la società nerazzurra non scomparirà dal panorama calcistico, anche se il cammino sarà tutto in salita. Mercoledì mattina all’Aula Cutuli il sindaco Pietro Tidei e il delegato allo sport Ivano Iacomelli hanno fatto il punto della situazione sul futuro del club di via Attilio Bandiera. “La società era praticamente fallita – ha esordito il sindaco Tidei – ma come amministrazione comunale non potevamo rimanere  fermi, senza intervenire. Purtroppo il club pagava delle gestioni folli, senza senso. Per questo ci siamo messi a cercare degli imprenditori che potessero dare una mano. Qualche impresa locale ha risposto presente, altre invece non hanno accolto il nostro invito; si tratta di imprenditori che sono convinto non faranno molta strada. La composizione societaria comunque sarà mista, con alcuni imprenditori romani e il resto civitavecchiesi”. Nuovo presidente del Civitavecchia calcio sarà Stefano Biondi, imprenditore che opera nel settore dei trasporti, mentre direttore generale Ugo Fronti: diesse Bernardo Iannicelli, responsabile gestione amministrativa Ugo Amicizia e dirigente accompagnatore Archimede Pucci. “D’ora in poi – ha puntualizzato il primo cittadino – saremo vigili come amministrazione comunale per evitare che si ripetino disastri economici come accaduto in questi ultimi anni”. Una nuova dirigenza che sarà però ufficializzata solo a fine mese, quando avverrà anche il passaggio formale della società tra l’attuale presidente Enrico Folgori e il nuovo organigramma dirigenziale. Tra i temi più caldi che sono stati trattati durante le conferenza stampa, anche quello legato alle vertenze economiche e la certezza di dover iniziare il campionato di Eccellenza con una penalizzazione. “Sulla questione vertenze – ha commentato il delegato allo sport Ivano Iacomelli – sia io che il sindaco abbiamo garantito personalmente con una fideiussione giocatori e dirigenti. Per il resto, grazie all’aiuto degli imprenditori siamo riusciti a trovare 300,000 euro che serviranno in gran parte a pagare appunto le pendenze economiche, trovando poi il modo di dilazionare nel tempo i debiti con l’erario. Una cosa deve essere chiara: da questo momento l’amministrazione comunale avrà un ruolo di controllore, ma la gestione tecnica ed economica spetterà appunto a questa nuova società”. All’Aula Cutuli era presente anche una nutrita rappresentanza di tifosi nerazzurri che hanno chiesto, più volte, garanzie sul futuro del club che, di vicende al limite dell’assurdo, ne ha vissute fin troppe in queste ultime stagioni. La nuova era sta per partire e chissà che non sia l’inizio di una nuova vita per il club di via Attilio Bandiera.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com