Calcio Eccellenza. Solo un pareggio per il Civitavecchia

2 Novembre 2014

Il Civitavecchia rimanda ancora una volta l’appuntamento con la vittoria e ottiene uno scialbo pareggio al comunale contro il Santa Maria delle Mole, confermando il momento non proprio positivo della truppa allenata da Ottavio Insogna che in nove giornate non ha ancora assaporato il gusto dei tre punti davanti i propri tifosi.   

Per la nona giornata del campionato di Eccellenza girone A, il Civitavecchia torna al “Fattori” dove ad attendere i nero azzurri c’è una vittoria da ottenere, contro una frastornato Mole Marino. Insogna per l’occasione propizia, attinge a piene mani al meglio che ha in rosa, presentando il favoloso tridente Elisei, Hasa, Ruggiero, Fabietti ferito da 6 sberle pesanti prese al “Ferraris” col Ladispoli, si abbottona in un ordinato e canonico 4-4-2. Nei primi due minuti botta e risposta Cecili-Ruggiero, ma è un fuoco di paglia, il primo tempo risulterà un incubo, i nero azzurri faticano sotto ogni aspetto, la posta in palio è alta e la tensione, è palpabile, anche dagli spalti.

Ne approfitta, ma parzialmente l’undici ospite che, gioca semplicemente sul velluto, creando almeno quattro situazioni buone per affondare a rete con Marchionni 11′, Mancini 30′, ancora Marchionni al 38′ ed infine Barbaria al 45′. Al duplice fischio i calciatori della “Vecchia” tornano negli spogliatoi a testa bassa, consci di aver offerto una prestazione al di sotto delle proprie possibilità. Nella ripresa i toni si alzano, i tirrenici rompono gli indugi e pur giocando in maniera disordinata e timorosa, tirano fuori un barlume di intraprendenza, sospinti in primis dalla verve e dalla personalità del duo Hasa-Ruggiero. Al 68′ dopo una conclusone rabbiosa di Barluzzi, Ruggiero semina il panico tra la difesa bianco celeste, poi calcia di sinistro trovando sulla sua strada Brugnettini, sulla respinta Yamani sembra il più lesto, ma il classe 1996 viene fermato probabilmente in maniera fallosa dal suo controllore di turno, sembrerebbe rigore, Perri non è d’accordo.Al 73′ Gigi Ruggiero mette il mantello da super eroe, supera in slalom sei avversari, tocco sotto ad eludere Brugnettini e palla che beffarda esce di un niente, il pubblico incantato ammira ed applaude per un paio di minuti buoni. Ci prova Hasa al 76′ su assist perfetto di Brunetti, la conclusione del generoso macedone termina però a lato seppur di pochissimo.

Il Civitavecchia tira fuori tutto l’orgoglio che ha, al momento, in suo possesso, Ruggiero è una furia ed al 79′ testa ancora i riflessi di Brugnettini superandolo con un lob delizioso, dove il numero 1, va detto, nel deviare in angolo, letteralmente si supera. Insistono i nero azzurri, Yamani si invola sulla destra, entra in area e serve a Pierri la palla del possibile vantaggio, l’esterno romano, calcia, la palla viaggia verso la porta ma viene intercettata dal solito attento Bianchini.

Termina 0-0 dunque un match che ha visto un Civitavecchia intimorito per più di un’ora, non è bastato uno strepitoso Ruggiero ai nero azzurri, la Nuova Santa Maria Mole Marino può sorridere, la legge del Fattori che vede i locali incapaci di vincere è stata doverosamente rispettata.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com