td santa marinella calcio a 5

Calcio a 5. TD Santa Marinella: ” Non ci saranno né chiusure di società né smobilitazioni di giocatori”

7 Giugno 2017
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Td Santa Marinella calcio a 5 in vista della stagione 2017/2018 rende noto di aver inviato in data odierna al Comitato Regionale Lazio domanda per essere iscritta al campionato regionale di serie C2.
“Non ci saranno ne chiusure di società ne smobilitazioni di giocatori, a differenza di chi fa chiacchiericcio da bar, la società ha lavorato in questi mesi per costruire un futuro solido e ancor più duraturo, commenta il Ds Claudio Giacomini. Abbiamo deciso di investire sui giovani perché in futuro i Piovesan e gli Iglesias che abbiamo ammirato in questi ultimi anni dovranno essere del
nostro territorio. Ecco quindi il motivo che ci ha portato a richiedere al comitato l’iscrizione per la stagione 2017/2018 al campionato di C2 rinunciando a quello di C1. I nostri ragazzi negli ultimi anni si sono divertiti nel campionato Under 21 e in parecchi hanno avuto modo di giocare anche in C1, ma fare un intero campionato in quella categoria per loro sarebbe deleterio e probabilmente non darebbe i frutti che speriamo di raccogliere facendo questo passo indietro.”
“Purtroppo nel nostro territorio non ci sono tanti giocatori in grado di competere per i vertici di un campionato di C1 o addirittura superiore, dichiara il Presidente D’Antonio, però noi crediamo fortemente nei nostri giovani ed abbiamo deciso di puntare su di loro affiancandoli a pochi ma buoni ragazzi più grandi. Gli unici Under21 che abbiamo salutato sono Leone e Catena che erano in
prestito. Potremmo contare per il prossimo campionato su un gruppo di giovani come Bacheca ’96, Gargano ’97, Bihary ’96, Mancin ’99, Gagliano ’97, Valchev ’98 e Guessi ’96.”

 



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •