Bollette e documenti: per quanto tempo conservarli?

30 Dicembre 2015
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Nell’era dell’informatica e della conservazione in modalità digitale di moltissima documentazione, contabile o meno, nelle abitazioni di molte famiglie si assiste ancora alla catalogazione in dossier di ricevute, quietanze, contratti, ecc. che si intrattengono nel normale vivere quotidiano. Spesso non ci sono obblighi di legge che prevedono termini di conservazione di attestazioni di pagamento per chi non esercita un’attività d’impresa o commerciale, arte o professione. Tuttavia è opportuno custodire alcune tipologie di documenti al fine di provare l’avvenuto pagamento di un determinato onere ed evitare, quindi, di doverlo corrispondere di nuovo. Il sito della Guardia di Finanza ha pubblicato un utile elenco, che fornisce le tipologie dei documenti e il tempo di conservazione.

TEMPI DI CONSERVAZIONE DI DICHIARAZIONI E DOCUMENTI

1 anno: Ricevute di iscrizioni a rette scolastiche e palestre;
3 anni: Bollo auto, Cambiali, Parcelle professionali, Compensi artigiani
5 anni: Ricevute dei pagamenti delle tasse, Pagamenti rateali e mutui, Ricevute di canone di locazione; Assicurazioni Spese mediche, Bollettini ICI, Contravvenzioni al codice della strada, Bollette per utenze domestiche
10 anni: Ricevute per spese di ristrutturazione della casa ,Tassa nettezza urbana, Canone Tv, Estratti conti bancari
Gli scontrini fiscali valgono spesso anche come garanzia e devono, pertanto, essere conservati per tutta la sua durata.

Il consiglio è quello di conservare in maniera ordinata e accessibile ogni documento di pagamenti rilevanti e/o inerenti contrattualistiche varie, perché è vero che col tempo si prescrivono le azioni di recupero ecc. ma dimostrare una spesa di anni fa e non avere la ricevuta materiale poiché non più reperibile, potrebbe far sorgere qualche “problema”, soprattutto in eventuali difese accertamenti o contestazioni, che come spesso e sovente accade riguardano anni vicini ma poi si intrecciano con “condotte passate”!

(fonte www.today.it)



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •