Riprende quest’anno il Progetto di Odontoiatria Sociale, grazie alla proroga accordata dalla Regione Lazio per accedere al finanziamento che altrimenti rischiava di non essere utilizzabile.

Il progetto, coordinato dal dott. Franco De Luca è destinato alle fasce più deboli della popolazione caratterizzate da fragilità sociale ed economica, e riguarda la possibilità di accesso privilegiato, per alcune fasce di utenti, alle prestazioni gratuite di exodonzia e realizzazione di protesi dentarie mobili.

E si articolerà secondo un preciso calendario di appuntamenti sia in modalità itinerante sia in modalità tradizionale, che sarà pubblicato anche in una apposita sezione del sito istituzionale della ASL ROMA F, (www.aslrmf.it).

Per realizzare l’iniziativa, infatti, si è considerata la necessità di intervenire su tutti i Comuni presenti sul territorio della ASL ROMA F , con priorità assoluta a quelle località che non hanno a disposizione una struttura ambulatoriale odontoiatrica fissa : Santa Marinella, Allumiere e Tolfa (Distretto F1), Cerveteri (Distretto F2), Canale Monterano, Manziana e Trevignano (Distretto F3), Riano, Formello, Sacrofano, Castelnuovo di Porto, Morlupo, Magliano Romano, Fiano Romano, Rignano Flaminio, Mazzano, Civitella S. Paolo, Nazzano, Torrita Tiberina, Sant’Oreste, Filacciano e Ponzano Romano (Distretto F4).

A tal proposito si agirà, come in passato, con modalità ‘domiciliare’ per mezzo di unità odontoiatriche mobili, attraverso una specifica convenzione stipulata con la S.I.M.O. (Ospedale Eastman di Roma),

Le unità mobili odontoiatriche saranno equipaggiate con specialisti odontoiatri e personale sanitario qualificato, e raggiungeranno i comuni con la popolazione più disagiata dalla mancanza di prossimità della sanità pubblica, proprio per consentire interventi più possibile capillari.

Nei comuni, invece, dove sono già presenti Poliambulatori della ROMA F, saranno gli stessi medici specialisti della ASL a garantire le prestazioni sanitarie attraverso un percorso preferenziale già definito..

“La collaborazione con i Servizi sociali dei Comuni – ha spiegato il Commissario Straordinario , dott. Quintavale – ci darà modo di predisporre un elenco degli utenti che hanno i requisiti (familiari, geografici, reddituali, etc.) per poter usufruire delle prestazioni sanitarie specificate, in modo tale da favorire ulteriormente gli aventi diritto, informandoli direttamente delle possibilità.”

Con il progetto di Odontoiatria sociale, che si concluderà a fine anno,, si realizza un importante risultato, frutto della collaborazione tra le Pubbliche Istituzioni Locali e Regionali, al fine contemperare le necessità di salute sia delle fasce socialmente deboli, sia per quelle disagiate dalla distanza fisica.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com