Si è svolta nei giorni scorsi presso i locali del Centro Diurno di Sacrofano, la 1° Festa dei Centri Diurni del Dipartimento di Salute Mentale che ha visto la partecipazione di operatori,  utenti e familiari dei Centri Diurni di Civitavecchia Ladispoli, Bracciano e Sacrofano.

E’ intervenuta anche, con i suoi operatori e utenti la Comunità Terapeutica Riabilitativa di Bracciano “Il Melograno”, del Dipartimento Salute Mentale

L’evento di Sacrofano ha rappresentato un concreto momento di incontro e condivisione di un progetto riabilitativo comune ed integrato, tra gli operatori gli utenti, i familiari, le istituzioni e le associazioni del territorio, con una partecipazione numerosa di un centinaio persone che ha visto anche la presenza del Direttore del Dipartimento Salute Mentale dott. Daniele Sadun.

Alla Prima Festa dei Centri Diurni della ASL ROMA F, che è stata caratterizzata da vari momenti aggregativi, artistici ed espressivi, hanno partecipato anche molte associazioni Associazioni: “Aresam”, “Amici di Sacrofano”, “Lions club di Sacrofano”,  la “Futura Onlus” di Civitavecchia ed i partecipanti al Progetto “Inclusione Sociale”  dell’ Osservatorio sull’ Autismo.

E’ stata allestita una mostra dei laboratori di Arteterapia svoltisi a Bracciano e Sacrofano, sono stati esposti i manufatti di ceramica e arti varie, presentati dai laboratori del Centro Diurno di Civitavecchia.

Il gruppo musicale “Illusioni Ottime”, del Centro Diurno di Ladispoli , ha presentato brani musicali  con testi e musica di cui lo stesso gruppo è autore,  intrattenendo piacevolmente tutti gli ospiti, ed il buffet è stato allestito a cura dei partecipanti.

Il Centro Diurno di Civitavecchia ha donato dei piatti di ceramica, ricordo dell’evento, decorati con il logo elaborato da un’ utente e scelto come simbolo dei  quattro Centri Diurni della ASL RM F.

I Responsabili dei Centri Diurni, per il Distretto F1  dott.ssa Alessandra Matiz, per il Distretto F2  dott. Alberto Poerio, per il Distretto F3  dott.ssa Maria Melfi e per il Distretto F4  dott.ssa Rita Graziani, congiuntamente ad operatori ed utenti, hanno ringraziato tutti coloro che hanno condiviso lo spirito dell’evento e credono che l’integrazione tra servizi sia  l’unica strategia che può favorire l’inclusione sociale e il superamento dello stigma.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com