APZ: “FU TURISMO 2014, Santa Marinella promuove il Cinema grazie al consigliere Marcozzi”

19 Giugno 2014

Dal direttivo di Azione Punto Zero, riceviamo e pubblichiamo.

“Così come è avvenuto per la rassegna “Teatro del Sorriso”, la giunta comunale intende raggiungere gli obiettivi cinematografico-culturali e stimolare la presenza di turisti nel periodo di “bassa” stagione, con una bella rassegna di dieci film a vanvera. Anzi no, con film che stanno nelle sale cinematografiche e che non sono collegati da alcun senso se non quello del Consigliere Marcozzi. Ricapitoliamo: dal sito del Comune di Santa Marinella leggiamo di una delibera circa il finanziamento di un progetto, denominato “Cinema che passione”. Esso è promosso dall’associazione culturale Racconti di Città e rientra nel programma delle manifestazioni organizzate dal Comune. Ora, secondo il terzo mistero della destagionalizzazione e – citiamo – “la felicità degli amanti delle pellicole vip”, questa iniziativa avrebbe dovuto attrarre i turisti e divertire i cittadini residenti. Il risultato è stato che per dieci film – tra l’altro proiettati contemporaneamente presso le sale cinematografiche del comprensorio, quindi in concorrenza diretta con imprenditori che investono di proprio  – l’amministrazione ha improntato un costo di quindicimila euro, per far vedere le pellicole a persone varie. Gran risultato, non c’è che dire.

Lo scorso settembre, quando il Consigliere Marcozzi annunciava di involarsi direttamente verso le festività natalizie e successivamente alla stagione estiva, chiedemmo espressamente al Sindaco un impegno circa una programmazione ragionata che potesse prendere in considerazione le proposte da noi espresse in occasione della campagna elettorale del 2013. Ad esempio l’istituzione, da subito, di un tavolo permanente per il Turismo che vedesse protagonisti tutti gli operatori del settore, per una autentica rivoluzione della concezione dello sviluppo di Santa Marinella. Promuovere e difendere il marchio “Santa Marinella” localmente – con un calendario di fiere ed eventi sul territorio, e internazionalmente promuovendo Santa Marinella in tutte le fiere e le borse del turismo del mondo. Invece no, stiamo agli spettacolini, ai film ed alle proloco che appaltano eventi e parchi anziché coordinare i tabelloni turistici. Probabilmente, questo è il prodotto delle lotte intestine tra chi organizza un torneo di briscola, una fiera del mare e un mercatino di cineserie. Tutto, ovviamente, a scapito dell’economia della città che – per essere chiari fino in fondo – si regge su un paradosso legato alla crisi economica nazionale che ha generato un flusso di ritorno alle seconde case da parte di chi aveva smesso di venire a villeggiare a Santa Marinella.  Ci rendiamo conto, che per tale ragionamento, dovremmo far scoprire al consigliere Marcozzi la differenza tra una  località di villeggiatura e una a vocazione turistica, ma per questa volta non intendiamo esagerare. Per ora ci basterebbe il cartellone della stagione estiva 2014. Voi lo avete visto?”

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo


DIBIAGIO


WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com