Ape calesse, da febbraio un nuovo servizio di linea turistico alla città. D’Antò: “Posti di lavoro per civitavecchiesi”

14 Gennaio 2019
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8
    Shares

Dal mese di febbraio un altro servizio ai turisti sarà dato dalla nostra città: quello delle api calesse. Si tratta di un servizio di linea turistico, creato dalla nostra amministrazione e che dopo vari problemi burocratici è vicino alla partenza.

Come stile di questa amministrazione abbiamo emanato un bando pubblico e a seguito di questo abbiamo rilasciato 6 licenze: per 4 di questi 6 casi sono già state avviate le pratiche per l’immatricolazione. Si tratta quindi di posti di lavoro, che saranno svolti da civitavecchiesi, che daranno un ulteriore servizio a Civitavecchia e ai turisti.
Doveroso far notare che questi mezzi, per motivi fisici, non potranno andare a Roma e quindi saranno ancor più incentivati a promuovere le bellezze locali e a stringere partnership con le tante realtà produttive del turismo del nostro territorio.
Le api calesse sono un servizio che già funziona in maniera molto positiva in altre realtà e se, come ci aspettiamo, anche a Civitavecchia saranno un successo sarà nella facoltà dell’amministrazione implementare le licenze con un nuovo bando.
Va inoltre precisato che questi mezzi, immatricolati come NCC, fanno parte di una categoria liberalizzata e quindi non andranno in alcun modo in contrasto con le 45 licenze di NCC per le quali abbiamo di recente approvato il nuovo regolamento in consiglio comunale.
Un altro passo in avanti verso una migliore accoglienza turistica, verso una migliore sinergia fra i vari operatori economici e nuove opportunità di lavoro per i nostri concittadini.
Enzo D’Antò

Assessore al Turismo e alla Mobilità



ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E GIORNALE ONLINE




  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    8
    Shares
  •  
    8
    Shares
  • 8
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •