Da Fabio Angeloni (PD), riceviamo e pubblichiamo.

“Visto che ormai è chiaro, abbiamo regalato 10 milioni di euro all’Enel senza che sia diminuito un solo chilo di carbone bruciato dalle centrali, che almeno Cozzolino chieda all’ Enel di bruciare 10 milioni l’anno di carbone in meno.

E’ una proposta semplice e di immediata realizzazione. Non serve neanche ridiscutere l’ AIA, argomento che questa giunta ha dimenticato, come ha dimenticato di vigilare e di riferire si controlli delle emissioni e sui limiti giornalieri e settimanali che pure in sede AIA sono stati già previsti.

Non so se bruciando ogni anno 10 milioni di carbone in meno si salverebbe la qualità dell’aria

 Sicuramente salveremmo almeno la faccia e daremmo un minimo senso ai sacrifici delle famiglie che il Comune sta tartassando di tasse, chiedendo mediamente dai 700 ai 1000 euro in più all’anno.

L’alternativa paventata, far realizzare all’Enel 10 milioni di opere pubbliche l’anno, somiglierebbe tanto alle famose “compensazioni ambientali” della vecchia “legge 8” che è stata abolita – ricordiamolo – con un referendum popolare promosso di radicali”.

image_pdfScarica articolo (pdf)image_printStampa articolo
Quanto ti piace?

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com